Camusso, CGIL: assunzioni precari non devono essere legati alla riforma. Rischiano di restare promessa

di redazione
ipsef

Anche il Segretario generale della CGIL si schiera per lo spacchettamento della riforma della scuola. Prima le assunzioni.

Anche il Segretario generale della CGIL si schiera per lo spacchettamento della riforma della scuola. Prima le assunzioni.

L'assunzione dei precari "non può essere legato alla riforma generale perché vorrebbe dire che anche il prossimo anno scolastico si aprirebbe senza la stabilizzazione dei lavoratori precari della scuola", ha detto la Camusso a margine della proiezione del film ‘Pride’ al cinema Adriano di Roma.

Ha, poi, continuato affermando che auspica l'utilizzo del decreto legge per assumere i precari e che sarebbe corretto da parte del Governo specificare "quali sono i numeri e i criteri per quel che riguarda la stabilizzazione".

"Questo continuo rinvio – ha concluso – fa temere che in realtà la stabilizzazione possa restare una promessa”.

I lavori parlamentari in tempo reale

Tutto sulla Buona scuola, con il testo del DDL

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione