Campari perde in borsa, colpa del Decreto scuola

Di
WhatsApp
Telegram

red – Almeno secondo gli analisti che imputano all’aumento delle accise previsto dal Decreto scuola la cessione del 2% in borsa.

red – Almeno secondo gli analisti che imputano all’aumento delle accise previsto dal Decreto scuola la cessione del 2% in borsa.

Oggi, la Campari viaggia nelle ultime posizioni del paniere di Piazza Affari: gli analisti di Equita non hanno dubbi, colpa del Decreto scuola

Ricordiamo che una delle voci di finanziamento dei provvedimenti previsti nel DL 104 è l’aumento delle accise degli alcolici, vini esclusi.

Abbiamo già pubblicato l’iniziativa di Assobirra "Salva la tua birra" che punta a mobilitare gli amanti della bevanda spumeggiante contro l’aumento delle accise.

Oggi è la volta degli analisti di borsa di Equita, che svolge attività di intermediazione su titoli azionari e derivati: "Stimiamo che le accise incidano per il 15-20% sul prezzo retail e pertanto, ipotizzando un aumento delle accise del 30%, l’impatto sul prezzo retail a regime sarebbe del 6% circa". Dove per retail si intende vendita al dettaglio.

Il commento giunge a seguito della cessione del 2% del valore delle azioni della Campari.

Insomma, pare proprio che i produttori di alcolici italiani non vogliano contribuire al miglioramento del sistema di istruzione

Decreto scuola. Il testo della Gazzetta ufficiale, definitivo. Tutti i contenuti, commenti e approfondimenti

WhatsApp
Telegram

Eurosofia. Hai ottenuto il ruolo? Il 28 settembre segui il webinar gratuito: “Neo immessi in ruolo: cosa c’è da sapere per superare l’anno di prova”