Cambio valutazione scuola primaria: era il momento adatto? Lettera

Stampa

Inviata da Lucia Manera – In questo momento così travagliato della nostra storia, in cui paura e difficoltà condizionano la vita quotidiana di ognuno di noi, in cui fare scuola è diventato una missione impossibile tra: mascherine, contagi, quarantene, tamponi , assenze, distanziamento e disinfettante , il Ministero dell’istruzione che cosa fa per agevolare il nostro lavoro?

Decide di emanare l’ordinanza 172 del 4/12/2020 per modificare la valutazione nella scuola primaria !! Peccato che noi maestre abbiamo iniziato a valutare da settembre e non seguendo sicuramente questi nuovi criteri.

Ora, a dicembre, in questa situazione di estrema precarietà, dobbiamo rimettere in discussione le uniche certezze che avevamo, rivedere tutto il nostro lavoro e le nostre valutazioni, dobbiamo cambiare  con così poco preavviso quello che già avevamo fatto. Nessuno ha pensato  allo sforzo che quotidianamente compiamo nel modificare la nostra attività didattica in questo tempo in cui ,tutto ciò che avevamo costruito negli anni, si è polverizzato (apprendimento cooperativo, imparare facendo , tutoraggio tra pari , attività esperienziali ).

Nessuno di chi ci governa si è preoccupato di capire che forse questo non era il momento adatto, che adesso non serviva mettere in difficoltà insegnanti e famiglie, con un nuovo sistema valutativo che va costruito, spiegato e  compreso. Non dico che non fosse necessaria una riforma, ma per rispetto di chi è impegnato fattivamente sul campo la cosa andava rimandata a tempi migliori, credo che nel bel mezzo di una pandemia fossero altre le priorità , prima fra tutte quella di garantire la scuola in presenza per tutti. Ma ovviamente a noi non resta altro che eseguire… come sempre!

Stampa

Eurosofia. Aggiornamento Ata: corso di dattilografia a soli 99 euro. Iscriviti ora