Cambio ora, si torna all’ora solare a fine ottobre: le date

WhatsApp
Telegram

Si torna all’ora solare a fine ottobre: ecco la data in cui si farà slittare l’orologio di un’ora avanti. Il cambio dell’ora è alle porte con il suo appuntamento autunnale che ci riporterà all’ora solare. L’appuntamento per spostare le lancette dell’orologio è fissato nella notte tra sabato 30 e domenica 31 ottobre quando alle 3.00 la lancetta dell’orologio tornerà indietro di un’ora.

Lo scopo del cambio dell’ora ad ottobre ha lo scopo di regalarci un’ora di luce al mattino in quei mesi in cui il sole sorge più tardi e tramonta prima. Ovviamente, di contro, l’ora di luce l’avremo in meno nel pomeriggio. Si tornerà a riportare le lancetta avanti nella notte tra il 26 ed il 27 marzo del 2022, quando tornerà l’ora legale.

Cosa fare al cambio dell’ora?

La maggior parte dei dispositivi elettronici non richiedere il cambio manuale visto che sono progettati per regolarsi in automatico sul cambio: cellulare e computer, quindi, si adatteranno autonomamente al cambio. Ovviamente lo stesso non può dirsi degli orologi analogici per i quali dovremo provvedere in autonomia al cambio.

Un po’ di storia

Quella a cui torniamo nella notte tra il 30 ed il 31 ottobre è l’ora solare, quella normale che prevede il nostro fuso orario mentre l’ora legale è quella “combinata” che sfruttiamo in primavera ed estate.

Per la prima volta l’ora legale fu proposta per la prima volta nel 1895 da George Vernon Hudson: la proposta fu quella di far slittare avanti di due ore le lancette nella bella stagione per poter sfruttare le ore di luce del mattino presto  durante la giornata (e permettere, quindi, al sole di tramontare due ore più tardi).

L’idea fu, poi, ripresa dal Regno Unito nel 1916 quando fu approvato lo slittamento di un’ora nel corso dell’estate, idea che presto fu adottata anche da molti altri Stati.

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito