Cambia l’esame di terza media e nessuno avverte i sindacati?

di redazione
ipsef

red – Bastava leggere orizzontescuola.it in un articolo del 7 gennaio 2011 per avere notizie delle intenzioni da parte del MIUR di modificare l’esame di terza media. Ieri un articolo apparso su Repubblica, nel quale si confermavano le notizie da noi riportate ad inizio anno, ha messo in allarme i sindacati ed in particolare la FLCGIL.

red – Bastava leggere orizzontescuola.it in un articolo del 7 gennaio 2011 per avere notizie delle intenzioni da parte del MIUR di modificare l’esame di terza media. Ieri un articolo apparso su Repubblica, nel quale si confermavano le notizie da noi riportate ad inizio anno, ha messo in allarme i sindacati ed in particolare la FLCGIL.

A quanto pare le modifiche riguarderanno già il prossimo esame. Tra le noità l’eliminazione della prova di matematica e inglese formulata dai docenti e la loro sostituzione con prove INVALSI. Unica prova elaborata dagli insegnanti sarà il tema d’italiano. Lo scopo sarebbe di alleggerire l’esame finale.

La FLCGIL ha risposto alle notizie pubblicate dal quotidiano con un comunicato, dal momento che le informazioni contenute erano state fornite dallo stesso Ministro nel corso di un incontro con la stampa.

Eppure, sostengono dal sindacato: "Nella stessa giornata però era stato convocato dal MIUR l’incontro con le organizzazioni sindacali per l’informativa sulle direttive Invalsi di prossima pubblicazione. Durante l’incontro nessun accenno a tale “rivoluzione”, né verbale né tanto meno scritto (all’interno della direttiva relativa all’esame conclusivo del primo ciclo). Al contrario è stata più volte ribadita la necessità di proseguire in continuità con quanto già effettuato e la volontà di non mettere le scuole nella condizione di dover affrontare in corso d’anno “innovazioni” di varia natura."

Versione stampabile
anief
soloformazione