Calvosa: troppi ragazzi vanno via dalla Calabria, la scuola li deve trattenere

di redazione
ipsef

item-thumbnail

“In Calabria il vero problema è l’interruzione degli studi al termine del percorso scolastico da parte dei ragazzi, che poi vanno via dalla loro terra”. Lo ha detto il direttore dell’Ufficio scolastico regionale, Maria Rita Calvosa, partecipando alla “Giornata regionale della Scuola” in corso al teatro Politeama di Catanzaro, come riporta lametino.it

“Ho incominciato a verificare i punti di forza e di debolezza della scuola in Calabria. I problemi sono quelli di cui si sente parlare quotidianamente, dall’edilizia ai trasporti per arrivare alle mense: problematiche che sono diffuse e che però in una regione come la Calabria possono vere un peso maggiore.
In Calabria il vero problema è l’interruzione degli studi al termine del percorso scolastico da parte dei ragazzi, che poi vanno via dalla loro terra. Per questo ritengo che, attraverso la sua offerta formativa, la scuola debba lavorare in modo da coniugare istruzione e lavoro e contribuire così – ha concluso il direttore dell’Ufficio scolastico regionale – a trattenere i ragazzi in Calabria”.

Fonte

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione