Calo di lettori: in Italia si legge sempre meno, ma cresce l’interesse verso gli e-books

WhatsApp
Telegram

E’ stato pubblicato il rapporto sull’acquisto e la lettura di libri in Italia, commissionato dal Centro per il libro e la la lettura (Cepell) su un campione di 9 mila famiglie, e presentato oggi dal presidente Gian Arturo Ferrari alla biblioteca Angelica di Roma. la notizia è stata diffusa dall’agenzia Dire.it.

I dati non sono positivi: nel triennio 2011-2013 i dati fanno segnare un calo medio sia nella percentuale dei lettori (dal 49% al 43% della popolazione) che degli acquirenti (dal 44% al 37%). Il calo riguarda tutte le fasce d’eta’.

E’ stato pubblicato il rapporto sull’acquisto e la lettura di libri in Italia, commissionato dal Centro per il libro e la la lettura (Cepell) su un campione di 9 mila famiglie, e presentato oggi dal presidente Gian Arturo Ferrari alla biblioteca Angelica di Roma. la notizia è stata diffusa dall’agenzia Dire.it.

I dati non sono positivi: nel triennio 2011-2013 i dati fanno segnare un calo medio sia nella percentuale dei lettori (dal 49% al 43% della popolazione) che degli acquirenti (dal 44% al 37%). Il calo riguarda tutte le fasce d’eta’.

Il 37% della popolazione ha acquistato almeno un libro nel 2013, per un totale di 112 milioni di copie vendute. Gli acquirenti sono per la maggior parte diplomati-laureati, risiedono tra il Nord e il Centro Italia, hanno un profilo giovane (25-34 anni) e sono in maggioranza donne. Più della meta’ dei libri acquistati e’ compresa nella fascia di prezzo medio-bassa: il 28% riguarda titoli sotto i 5 euro, il 31% tra i 6 e i 10 euro. Si conferma il ruolo preponderante dei lettori forti: il 4% della popolazione ha acquistato il 36% delle copie vendute nel 2013.

In Italia si legge più di quanto si acquista: il 43% della popolazione ha letto almeno un libro. Le lettrici sono più numerose dei lettori (il 48% delle donne contro il 38% degli uomini) e la fascia d’eta’ più forte e’ quella dei ragazzi tra i 14 e i 19 anni (dove i lettori si attestano al 60%). Il genere preferito e’ la narrativa (71% gradimento), seguita da biografie-autobiografie e dai libri storici.

Il Nord-Est e’ l’unica area del Paese che nel triennio fa registrare una leggera crescita di lettori (dal 52% al 53%) mentre calano il Nord-Ovest (dal 53% al 49%) e soprattutto il Centro (dal 52% al 42%) e il Sud (dal 39% al 31%).

Una nota positiva arriva dagli ebook, verso cui cresce l’interesse sia degli acquirenti (+14% rispetto al 2012) che dei lettori (+17%).

WhatsApp
Telegram

Concorso Dsga: il DECRETO è finalmente in Gazzetta Ufficiale. Preparati con il percorso formativo modulato dai nostri esperti