Call veloce per assunzione 2020 docenti in altra regione: riguarderà anche GaE e infanzia primaria

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Una delle novità delle immissioni in ruolo docenti 2020 sarà la call veloce volontaria  in altra regione, al fine di coprire tutti i posti vacanti. Alcuni particolari. 

Immissioni in ruolo 2020: cosa si intende per call veloce

Le immissioni in ruolo 2020 si svolgeranno secondo il criterio: 50% alle GaE e 50% ai concorsi.

Per la scuola secondaria, il 50% assegnato alle Gae dovrebbe essere coperto, laddove queste sono esaurite, dalle graduatorie che scaturiranno dal concorso straordinario. (meno del 50% laddove le GaE non sono esaurite).

Il 50% dei concorsi andrà sempre a concorso 2016 e concorso 2018, in quanto il concorso ordinario non sarà stato ancora espletato.

Al termine delle operazioni, qualora dovessero rimanere posti vacanti (Lombardia, Piemonte, Veneto sono le regioni in cui negli ultimi anni si è verificata in maniera più consistente questa situazione), questi potranno essere assegnati tramite “call veloce”.

Essa è prevista dall’art. 1 comma 17 del Decreto scuola pubblicato in Gazzetta Ufficiale

17. Al fine di ridurre il ricorso ai contratti a tempo determinato,
nell’anno scolastico 2020/2021 e nelle regioni nelle quali le
graduatorie di cui all’articolo 1, comma 114, della legge 13 luglio
2015, n. 107, e di cui all’articolo 17, comma 2, lettera b), del
decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 59, siano insufficienti a
coprire la relativa quota di immissioni in ruolo, i posti vacanti e
disponibili residui, dopo le consuete operazioni di immissione in
ruolo da graduatorie della regione, sono coperti mediante scorrimento
delle graduatorie concorsuali delle altre regioni, su istanza degli
aspiranti. Con decreto del Ministero dell’istruzione,
dell’universita’ e della ricerca, sentita la conferenza
Stato-Regioni, e’ disciplinata l’attuazione del presente comma. Alle
relative immissioni in ruolo si applica l’articolo 13, comma 3, del
decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 59.

Come più volte spiegato dal Sottosegretario Azzolina “nessuno toglierà il posto a nessuno” in quanto la proposta è limitata a graduatorie in cui non ci sono candidati.

Si tratta inoltre di una scelta volontaria, che dovrà tener conto dei vincoli di permanenza sulla scuola, richiesti per garantire la continuità didattica.

Call veloce per assunzione in altra regione sia per GaE che concorsi

Il decreto scuola sarà migliorato rispetto al testo pubblicato in gazzetta Ufficiale il 30 ottobre 2019, innanzitutto con gli emendamenti del Governo.

Tra questi il fatto che la call veloce riguarderà anche le GaE e non solo i concorsi.  Si tratta di un punto dell’intesa stipulata il 1° ottobre con i sindacati e poi non inserito nel testo, ma recuperato adesso dopo alcune verifiche tecniche.

Call veloce anche per infanzia e primaria

La possibilità di assunzione in altra regione  – precisa il Sottosegretario Azzolina ad un gruppo di idonei del concorso 2016 che le hanno sottoposto un documento in merito – riguarderà anche infanzia e primaria.

La notizia conferma quanto già anticipato da OrizzonteScuola.

Quindi anche GaE, concorso 2016 e concorso straordinario 2018 per infanzia e primaria.

Verifica emendamenti da oggi 18 novembre

Il giudizio di ammissibilità su tutti gli emendamenti partirà oggi. Il testo dovrebbe arrivare in Aula il 25 novembre.

Versione stampabile
Argomenti:
soloformazione