Call veloce e graduatoria terza fascia provinciale anche per gli Ata. La richiesta

WhatsApp
Telegram

Visto l’approssimarsi del bando di prima fascia ATA 24 mesi. 
In vista dei contingenti per le immissioni in ruolo A.S. 2020/2021. 
Considerato l’aggiornamento delle terze fasce ATA previsto per il 2021.
Ecco le richieste al ministro della pubblica istruzione onorevole Lucia Azzolina. 

Le richieste

  1. CALL veloce per le immissioni in ruolo in altra provincia
  2. Richiesta istituzione terza fascia provinciale ATA
  3. Possibilità di iscrizioni in prima fascia in altra provincia senza il passaggio obbligato in terza fascia.
Al ministro della pubblica istruzione On. Le Lucia AZZOLINA con la
presente si chiede, la CALL veloce, come per i Docenti, per le immissioni
i ruolo, l’istituzione della terza fascia provinciale e inoltre la
possibilità di cambiare provincia per la prima fascia senza il passaggio
obbligatorio nella terza fascia.
Le Graduatorie del Personale Ata sono composte da tre elenchi graduati
suddivisi per profili professionali:
I FASCIA provinciale permanente si aggiorna ogni anno
II FASCIA permanente e a esaurimento non si aggiorna più
III FASCIA d’istituto decade e si aggiorna ogni 3 anni
Di tutte le tre fasce ci sono le corrispondenti graduatorie di istituto,
ogni iscritto può scegliere 30 scuole della provincia preferita.
La Prima Fascia Graduatoria Provinciale Permanente  si rinnova ogni
anno consentendo a tutti coloro che maturano i 24 mesi di iscriversi e di
essere assunti in ruolo.
E’ possibile una volta maturati i 24 mesi, inserirsi in prima fascia
solo se si è iscritti nella terza o nella seconda fascia della stessa
provincia.
La maggior parte delle prime fasce del Personale Ata non si svuotano ogni
anno con le immissioni in ruolo, col risultato che gli anni necessari per
la stabilizzazione oscillano da un anno fino a 10/15 anni compresi gli
anni di pre-ruolo e anche oltre.
Si verifica invece in diverse province del nord che molte graduatorie di prima fascia, si svuotano ogni anno azzerandosi.
La seconda fascia è una graduatoria provinciale in cui sono iscritti
coloro che hanno acquisito il diritto con i vecchi requisiti di titolo di
accesso dove vi sono persone in attesa di convocazione da calendari degli
Uffici Scolastici Provinciali per supplenze annuali al 31 agosto o al 30
giugno, Full Time o Part Time sui posti residui dopo le immissioni in
ruolo.
Questi elenchi di seconda fascia esistono dagli anni 80.
Sono state riaperte per nuovi inserimenti ma dal 2001 sono permanenti e a
 esaurimento.
In alcune province ci sono 500/1000/2000 nominativi, a Napoli circa 10.000
nominativi, esistono anche seconde fasce estinte o costituite da
pochissimi aspiranti.
Molti di loro nemmeno si ricordano di essere iscritti, col risultato che
si perde solo tempo per le operazioni di nomina perché ai calendari
provinciali non si presenta quasi nessuno.
In tante province del sud le convocazioni sui posti annuali si fermano
alla prima e seconda fascia, alla terza fascia non rimane che qualche
supplenza su malattie e congedi più o meno lunghi ma solo per le prime
posizioni.
La terza fascia è di istituto si aggiorna ogni tre anni, il triennio
2014-2017 si è prorogato di un anno, prossimo aggiornamento nel 2021.
Gli aspiranti di queste graduatorie possono essere convocati dai dirigenti
scolastici di 30 scuole al massimo.
Al nord a volte è necessario ricorrere a Mad in particolare per alcuni
profili professionali, ma sicuramente dalla terza fascia al nord e al
centro si lavora con incarichi al 31 agosto e al 30 giugno.
Le scuole spesso fanno fatica a trovare supplenti brevi perché gli
aspiranti residenti al sud non riescono a spostarsi al nord nei tempi
richiesti in particolare per supplenze brevi.
Al sud le graduatorie d’istituto chilometriche creano, in molti casi,
solo false illusioni alle migliaia di iscritti.
Riusciranno a lavorare in numerose province del sud, solo le primissime
posizioni e con punteggi altissimi.
Tutti coloro che maturano i 24 mesi hanno la possibilità di inserirsi in
prima fascia per aspirare poi al ruolo.
L’iscrizione è possibile esclusivamente nelle stessa provincia della
seconda e della terza fascia.
Per cambiare la provincia della prima fascia è necessario depennarsi
dalla graduatoria dei 24 mesi, iscriversi in terza fascia, e solo
all’aggiornamento annuale successivo sarà possibile il reinserimento in
prima della nuova provincia, ma questo è possibile solo ogni 3 anni.
Perché non consentire iscrizione in prima fascia a tutti coloro che
posseggono il requisito di 24 mesi, senza il passaggio obbligatorio alla
terza fascia?
Le possibilità di supplenza in molti casi sono legati alla fortuna di
trovarsi in una provincia del nord piuttosto che in una del sud o alla
fortuna di aver scelto, nelle 30 scuole, quelle giuste che avranno bisogno
di coprire posti vacanti visto che quasi mai si conoscono le sedi
disponibili prima delle operazioni di nomina.
Per le assunzioni del 2020 perché non prevedere una call veloce
volontaria a cui potranno partecipare tutti coloro che vedono sempre più
lontana la possibilità di una stabilizzazione?
Perché non offrire la possibilità su base volontaria di ottenere
l’immissione in ruolo degli iscritti nelle prime fasce di tutte le
regioni dove gli aspiranti sono insufficienti a coprire le relative quote
di immissioni in ruolo?
I posti vacanti e disponibili residui, dopo le consuete operazioni di
immissione in ruolo da graduatorie della regione, potrebbero essere
coperti mediante scorrimento delle graduatorie 24 mesi delle altre
regioni, su istanza degli aspiranti.
Inoltre perché non predisporre per il triennio 2021/2023 la graduatoria
di terza fascia provinciale così come si sta decidendo di fare per i
docenti?
Ordine delle nomine:
1. Operazioni di nomine in ruolo dalle prime fasce provinciali.
2. Call veloce dalla prima fascia per le immissioni in ruolo sui
posti residui al 31 agosto per aspiranti di altre regioni.
3. Nomine annuali dalle terze fasce provinciali per avere
Un’opportunità in più concorrendo in tutta la provincia in tempi rapidi e in contemporanea in tutte le scuole, senza lunghe convocazioni delle singole scuole che comportano perdite di tempo e ritardano la copertura dei
posti disponibili.
Sperando che queste richieste possano essere valutate e considerate in
toto o in parte, si coglie l’occasione per porgerle distinti saluti e
per augurarle buon lavoro.
Maria Mattea Marilena VERGURA

Personale ATA, spesso trascurato. Ecco tutte le richieste alla Ministra Azzolina

WhatsApp
Telegram

Eurosofia nel mese di dicembre trasmetterà tre nuovi incontri formativi gratuiti dedicati agli attori della scuola