Calendario scolastico, l’Italia detiene il primato sia dei giorni di lezione sia di quelli di vacanza. TABELLA

WhatsApp
Telegram

I soliti, stucchevoli, luoghi comuni sulle vacanze degli insegnanti e non solo. Ha destato enorme scalpore sui nostri canali social la notizia della petizione online di una mamma che vorrebbe spostare a luglio la fine della scuola. 

Il dibattito si è acceso tra chi dà ragione al genitore e chi, invece, afferma che i ragazzi sono già abbastanza stanchi. Qual è la situazione negli altri paesi?

Mettendo a confronto le vacanze, il numero dei giorni di scuola, l’organizzazione generale dell’anno scolastico e accademico, secondo il rapporto annuale di Eurydice, si scopre che In Italia gli studenti passano più giorni a scuola rispetto agli altri paesi europei.

Cosa succede in Italia e negli altri paesi d’Europa

I paesi europei differiscono notevolmente per quanto riguarda l’articolazione dei calendari scolastici.

In tutti i sistemi scolastici è previsto che i docenti debbano svolgere molti altri compiti al di là delle ore di insegnamento, comprese le attività di carattere burocratico-amministrativo, di organizzazione e pianificazione della didattica, di valutazione degli allievi e i rapporti scuola-famiglia.

Questi risvolti dell’attività dei docenti non sempre sono dettagliate nei contratti di lavoro, ma sono spesso basate su un tacito accordo riguardo ciò che ci si aspetta dagli insegnanti come parte integrante della loro attività.

Nella maggior parte dei paesi il numero di ore di insegnamento richiesto ai docenti viene specificato nei contratti di lavoro.

Il totale settimanale cambia considerevolmente da paese a paese, variando da un minimo di 14 ore in Croazia, Polonia, Finlandia e Turchia, a un massimo di 28 ore in Germania.

Scopriamo, con i dati Eurydice, che il numero di giorni di scuola varia dai 156 giorni in Albania e i 200 giorni in Danimarca e Italia. In circa la metà dei paesi l’anno scolastico conta 170/180 giorni; in 17, il numero varia tra 181 e 190 giorni.

Oltre alla pausa estiva, ci sono altri quattro periodi principali di vacanze scolastiche in tutta Europa: le vacanze autunnali, Natale e Capodanno, inverno/feste di Carnevale e la primavera/Pasqua. C’è da precisare, inoltre, che i periodi e le date delle vacanze scolastiche possono variare anche all’interno di un paese, come accade in Italia, dove le singole regioni adottano un proprio calendario.

Ad esempio in Francia, le vacanze estive durano 8 settimane, ma tra ottobre-novembre e a carnevale le scuole sono chiuse complessivamente per 4 settimane.

La maggior parte dei paesi a giugno chiude le scuole. Quindi le vacanze estive sono concentrate tra giugno e fine agosto. Fanno eccezione paesi come la Germania, l’Islanda, la Norvegia e la Scozia. L’inizio del loro anno scolastico è compreso tra il 1° agosto e 23 agosto per ovvi motivi climatici.

La differente organizzazione delle pause influisce sulla durata delle vacanze estive. Si va da un minimo di 6 a un massimo di 12-13. Le vacanze estive vanno dalle 6-8 settimane (Francia, Germania, Liechtenstein, Regno Unito, Norvegia…) alle 10-12 (Finlandia Grecia, Islanda, Portogallo, Spagna, Ungheria…). La Lettonia, l’Italia chiudono l’elenco con 13 settimane.

L’Italia, dunque, detiene il primato sia dei giorni di lezione sia di quelli di vacanza: solo che sono quasi tutti concentrati nel periodo più caldo dell’anno.

Scuola finita, studenti in vacanza. I genitori: “Troppi tre mesi”. Scatta la petizione per fare concludere le lezioni a luglio

“I docenti non sono baby sitter e la scuola non è un parcheggio”. Gli insegnanti rispondono ai genitori che chiedono di allungare le lezioni fino a luglio

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur