Calano le iscrizioni all’ università: colpa della crisi e dei tagli

di Giulia Boffa
ipsef

GB – Trentamila immatricolati in meno in appena un triennio e oltre 78mila in meno in dieci anni: questi sono i dati sulle immatricolazioni all’Università relativi all’anno accademico 2013/2014 appena resi noti dal MIUR.

GB – Trentamila immatricolati in meno in appena un triennio e oltre 78mila in meno in dieci anni: questi sono i dati sulle immatricolazioni all’Università relativi all’anno accademico 2013/2014 appena resi noti dal MIUR. Ce ne parla Repubblica in un suo articolo confermando la tendenza già espressa dall’ISTAT.

Quest’anno, i giovani che sono entrati per la prima volta all’università sono 260.245, il 3,4 per cento in meno rispetto a dodici mesi fa, quando gli immatricolati furono circa 270mila. I nuovi ingressi degli atenei che non hanno ancora comunicato i propri iscritti per quest’anno, fanno registrare un totale di circa 2mila e 600 iscritti all’anno.

Dieci anni fa – nel 2003/2004 – gli immatricolati superarono abbondantemente le 300mila unità, attestandosi a quota 338mila e 500.

Da allora sono scesi a  78mila: il 23 per cento del totale. Nello stesso periodo, le tasse universitarie sono aumentate, il numero chiuso è stato esteso – oltre che ai corsi a numero programmato a livello nazionale (Medicina, Odontoiatria, veterinaria, Architettura e alle Professioni sanitarie) – anche a oltre metà di tutti gli altri corsi di laurea. Inoltre le borse di studio per gli studenti meno abbienti si sono ridotte.

In aumento anche gli abbandoni dovuti alla crisi economica: il rettore dell’università di Bologna, Ivano Dionigi,è  preoccupato: "Ricevo tante lettere – ha dichiarato – di chi non ce la fa, mail di studenti o di famiglie che mi rappresentano drammatici casi sociali".

Anche la Bicocca registra cali di iscrizione e di abbandoni: secondo l’amministrazione la strategia per evitarlo è parlare con i genitori, per aiutarli a capire quale sia il modo più adeguato per sostenere i figli sia per l’iscrizione che per la frequenza fino alla laurea.

Versione stampabile
anief
soloformazione