Calabria e Sicilia tra le ultime regioni Ue per occupazione post-laurea. I dati Eurostat

Stampa

Ci sono due regioni italiane tra le tre peggiori per occupazione di giovani laureati a tre anni dal titolo: nel 2020 – secondo gli ultimi dati di Eurostat che ha pubblicato il libro sulle Regioni nel quale si affronta anche il tema dell’istruzione e del lavoro – in Italia entro tre anni dalla laurea risulta occupato appena il 59,5% dei giovani tra i 20 e i 34 anni a fronte dell’81,5% della media Ue a 27. In Calabria la percentuale è in calo al 37,2% mentre in Sicilia è al 38,3%.

Le regioni con i dati migliori, sopra il 95%, si trovano in Germania, Repubblica Ceca e nei Paesi Bassi. La media di occupazione nei 27 Paesi membri dell’Unione Europea, a tre anni dal conseguimento della laurea, nel 2020 era del 78,7%. Quella italiana si ferma al 56,8%. In Belgio la percentuale è dell’82,9, in Germania del 90,5, in Francia del 74,9 e in Spagna del 69,6.

Il dato sull’occupazione dei giovani laureati a tre anni dal titolo è in calo anche a causa della pandemia, ma l’Italia ha registrato una riduzione di 2,2 punti a fronte di una flessione di 1,7 punti nella media dell’Ue a 27.

Le regioni italiane: Sicilia e Calabria maglia nera

La Calabria è la regione europea con i dati peggiori: una media di occupazione del 32,1%. Tutte le altre con il minor tasso di occupazione sono in Italia e in Grecia. Penultima è la Grecia centrale (32,2%), seguita da Sicilia (33,3%), Campania (37,6%) e Macedonia occidentale (37,8%). Chiudono le dieci zone con le medie più basse la Basilicata (39,9%), la Tessaglia (41,2%), la Puglia (41,5%), la Sardegna (42,7%) e l’Egeo meridionale (45,4%).

Lazio (53,4%) e Umbria (54,9%) sono le altre due regioni italiane con tasso di occupazione al di sotto della media nazionale del 56,8%. I dati migliorano in Abruzzo (59,9%), Liguria (60,2%), Marche (61,7%), Piemonte (64%), Toscana (66,7%). Superano il 70% il Friuli-Venezia Giulia e la Lombardia (70,7%), l’Emilia-Romagna (71,4%), la provincia autonoma di Trento (71,5%), il Veneto (74%).

Le migliori perfomance in Europa

La regione migliore per occupazione di giovani laureati, con il 100%, è il Distretto tedesco della Media Franconia. Segue l’Alta Franconia (97,5%). Numeri alti anche nel Severovychod in Repubblica Ceca, al 96,7%, nella regione tedesca della Coblenza (96,4%), pari marito con la Zelanda olandese. La Svevia (Germania) è al 95,6%, la provincia di Utrecht (Paesi Bassi) al 95,4%. Bene anche le regioni di Kassel, di Turinga e lo Schleswig-Holstein in Germania (95,1 – 94,7 – 94).

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur