Le buste paga degli statali perderanno 10 punti di potere d’acquisto da qui al 2014

di Giulia Boffa
ipsef

Red – Alla fine del 2014, una busta paga media di uno statale perderà 240 lordi euro nel potere di acquisto: è quanto ha rilevato l’ARAN (Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni).

Red – Alla fine del 2014, una busta paga media di uno statale perderà 240 lordi euro nel potere di acquisto: è quanto ha rilevato l’ARAN (Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni).

Questo accade perché  i contratti dei dipendenti pubblici sono fermi da circa un quinquennio e tali resteranno almeno fino a tutto il 2014; secondo uno studio della Cgil dal 2010 al 2014 gli statali perderanno mediamente 6.000 euro, alla fine del 2014, una busta paga media di uno statale perderà 240 lordi euro nel potere di acquisto, il che vuol dire che mancheranno all’appello almeno dieci punti di potere di acquisto.
 
Infatti le retribuzioni contrattuali lo scorso anno sono cresciute dello 0,2%, ma sono scese dello 0,2% quelle di fatto,che a differenza di quelle contrattuali, comprendono oltre al salario, le competenze accessorie e occasionali al lordo delle trattenute erariali e previdenziali. Sono conteggiati anche gli straordinari, i premi di produttività e di risultato, le indennità di turno o comunque legate al disagio lavorativo. 
 
Inoltre i prezzi sono saliti mediamente del 2,8% e secondo l’Aran è stato annullato nel decennio dagli addetti all’industria lo svantaggio sui dipendenti pubblici% nei servizi vendibili.
Versione stampabile
Argomenti:
anief anief voglioinsegnare