Bussetti: un concorso vinto non dà agli insegnanti lasciapassare per offendere

di redazione
ipsef

item-thumbnail

“Insegnare è un lavoro bellissimo, una missione da vivere tutti i giorni dando il meglio di sé per educare i nostri giovani. Sono orgoglioso del quotidiano lavoro svolto da centinaia di migliaia di docenti di ruolo e precari nelle scuole italiane.”

Così il Ministro Bussetti alla vigilia di Pasqua, a commento dell’articolo del Corriere Veneto sull’insegnante che ha parlato della Costituzione come di “carta igienica”

“Ma se qualcuno sale in cattedra per seminare odio e falsità – prosegue  Bussetti – evidentemente non si trova nel posto giusto. E va allontanato dalla scuola. Un concorso vinto non dà il lasciapassare per delirare e offendere.

Per questo ho sollecitato una relazione e un’ispezione: voglio verificare cosa sia realmente accaduto.

Una volta accertati i fatti, assumeremo tutte le iniziative e le misure, anche sanzionatorie, necessarie a tutelare gli alunni e tutti i docenti che ogni giorno, anche a costo di enormi sacrifici, permettono alla scuola italiana di svolgere il suo fondamentale ruolo per i nostri giovani.”

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione