Bussetti promette controlli su abusi legge 104 “Chi sbaglia non deve passare inosservato”

di redazione
ipsef

item-thumbnail

La mobilità dell’a.s. 2017/18 (pubblicati ancora solo i risultati per infanzia e primaria, attesi per il 27 giugno quelli di secondaria di I grado) ha fatto ancora discutere di possibili abusi della legge 104/92.

Soprattutto per la scuola primaria infatti il 30% dei posti riservati ai trasferimenti interprovinciali è stato assorbito dalle precedenze. Precedenze previste nel contratto, ma i dubbi sono relativi alla concentrazione in alcune province, per lo più del sud.

All’indomani dei trasferimenti il M5S siciliano ha chiesto controlli serrati sulle 104, per garantire i diritti di quei docenti che da anni chiedono di poter rientrare nelle proprie province.

Il Ministro Bussetti sposa la linea “I controlli vanno fatti. È una questione di serietà. Gli strumenti per intervenire ci sono e vanno usati. Non si può abusare di una legge così importante per i valori che esprime. Chi sbaglia non deve passare inosservato” dichiara al Messaggero.

Mobilità 2018/19, in alcune province trasferimenti 100% con 104. Alcuni dati

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione