Bussetti, meno lezioni private grazie a incremento corsi a scuola e nuove metodologie

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Bussetti è intervenuto alla Camera dei deputati illustrando le norme che saranno introdotte nella Legge di Bilancio 2019.

Lezioni private

Le scuole oggi organizzano corsi per il recupero debiti formativi per gli alunni della scuola secondaria di II  grado. I docenti che vi partecipano sono appositamente remunerati.

Capita – afferma Bussetti – che alcune famiglie decidano di far frequentare lezioni private.

Ciò è possibile, purché le lezioni non siano impartite a studenti della scuola stessa, e comunque sempre tramite l’autorizzazione del Dirigente Scolastico che deve verificare la compatibilità.”

I compensi

Oggi i compensi delle lezioni private costituiscono reddito imponibile, con la nuova norma si vuole andare incontro alle esigenze dei docenti, introducendo  una imposta sostitutiva dell’imposta sul reddito delle persone fisiche e delle addizionali regionali e comunali pari al 15 per cento, salva opzione per l’applicazione dell’imposta sul reddito nei modi ordinari.

Ridurre le lezioni private

A monte, però, afferma Bussetti, ci sarà lo sforzo per ridurre le lezioni private, grazie all’incremento dei corsi per il recupero dei debiti formativi e l’introduzione delle nuove metodologie didattiche e digitali.

Basterà questo per ridurre il fenomeno del”nero” che caratterizza questo settore scolastico?

Versione stampabile
anief
soloformazione