Bussetti: la scuola, una enorme squadra abbandonata da tempo

di redazione
ipsef

item-thumbnail

I governi di centrosinistra hanno stanziato 7 miliardi di euro per l’edilizia scolastica, ma ne sono stati spesi zero.

Lo ha detto il ministro dell’Istruzione, Marco Bussetti, in una lunga intervista rilasciata di recente a Luca Telese per Panorama.

E prosegue “Io sono il più grande datore di lavoro d’Italia, con un milione e duecentomila dipendenti”

Un patrimonio ricchissimo: saperi, competenze, conoscenze.

Ma anche una grande squadra abbandonata.

Da ex sportivo e con una carriera didattica all’insegna dell’attività fisica, salvo poi passare al lavoro burocratico dei Provveditorati, il ministro Bussetti usa la metafora dello sport per raccontare i punti deboli della scuola.

Fondi per l’edilizia scolastica

Fra i mali individuati ci sono anche quelli burocratici che hanno portato a non poter accedere ai fondi per l’edilizia scolastica e che sotto il Governo di cui fa parte sono stati risolti con una modifica semplice in un decreto legge. E’ bastato aggiungere nel decreto Dignità che il passaggio per l’assegnazione dei fondi in Conferenza Stato Regioni divenisse obbligatorio solo per i saldi.

1.6 milioni per nuovi laboratori

Il Miur ha destinato ulteriori 1,6 milioni di euro a 46 scuole situate in aree a rischio per la creazione di ambienti digitali di apprendimento, in particolare per la scuola primaria e secondaria di I grado.

A livello territoriale, il Veneto avrà 10 laboratori, l’Emilia-Romagna e la Toscana ne avranno 8 a testa, il Friuli Venezia-Giulia, le Marche, l’Abruzzo e la Sardegna 4, l’Umbria e il Molise 2.

Assunzioni e concorsi

Vogliamo assumere 100mila docenti più 40mila di sostegno. Sono queste le affermazioni del Ministro Bussetti.

Ecco le graduatorie da cui si assumerà per l’a.s. 2019/2o

Concorso infanzia e primaria: i requisiti

Concorso secondaria I e II grado: i requisiti

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione