Bussetti “in ruolo solo per concorso” ma sindacati hanno altre proposte

di redazione
ipsef

item-thumbnail

“L’assunzione avverrà solo attraverso i concorsi” Il Ministro Bussetti è categorico sul nuovo reclutamento che sarà delineato dalla Legge di Bilancio. 

Concorsi solo su posti disponibili

I concorsi, a partire da quello previsto entro il 2019, dovranno essere banditi solo nelle regioni con posti disponibili. E prevedere un vincolo di permanenza nella regione scelta di almeno 5 anni.

Il tutto è stato inserito nel DEF, ancora da approvare in via definitiva.

Bussetti: stop abilitazioni a pagamento, concorso più breve e abilitante. Abolito FIT

Le proposte dei sindacati

I sindacati in questi giorni stanno lanciando varie proposte.

FLCGIL: lancia la proposta di un piano straordinario di assunzioni che coinvolga anche le graduatorie d’istituto.  Immissioni in ruolo, FLCGIL: anche da graduatorie di istituto. Simulazione 244mila posti liberi

CISL ““Noi pensiamo che al concorso ordinario, da confermare come procedura di cui va garantita una periodicità regolare, debba affiancarsi un canale che valorizzi l’esperienza di lavoro precario, spesso di durata pluriennale, garantendo una stabilizzazione che sia anche legata a efficaci e contestuali percorsi di formazione.

Precari con 36 mesi di servizio

L’interesse dei sindacati si concentra in particolar modo sui docenti precari con una anzianità di servizio superiore ai 36 mesi.

La Gilda “Chiediamo, dunque, al ministro Bussetti di aprire un confronto sul tema con i sindacati, così da individuare insieme la soluzione migliore ed evitare ulteriori lotte intestine tra precari e guerre tra poveri”, chi già con una proposta “concorso riservato non selettivo”, come la UIL 

e l’Anief ” per chi ha “superato i trentasei mesi, comprensivi di proroghe e con rinnovi, indipendentemente dai periodi di interruzione, si dà luogo all’assunzione a tempo indeterminato in ottemperanza a quanto previsto dalla Direttiva 1999/70/CE del Consiglio del 28 giugno 1999”, di essere immesso in ruolo.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione