Bussetti: impegno a non ridurre corpo docente con calo numero studenti

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il calo del numero di studenti non porterà a un taglio delle classi (e quindi a una riduzione dei docenti). Le rassicurazioni arrivano direttamente dalla bocca del ministro Bussetti.

Intervistato da Il Secolo XIX, il Ministro ha detto che ci sarà un nuovo concorso per reclutare insegnanti. Uno dei primi problemi che si è ripromesso di risolvere sin dal suo insediamento è stato proprio quello relativo al turn over: situazione che si potrebbe accentuare con le pensioni quota 100. Anche per questo sono stati anticipati – ha rimarcato Bussetti – i tempi delle preiscrizioni.

Il reclutamento straordinario per il Ministro è una misura da ponderare sempre con molta attenzione, ma ha ricordato quanto già fatto per i diplomati magistrali (concorso straordinario), per il sostegno (avviati i corsi di specializzazione), per reclutare nuovi Dsga (avvio del concorso per nuove assunzioni) e sul concorso per presidi in modo da ridurre il problema delle reggenze.

Ma la notizia più attesa è quella finale: una diminuzione del numero degli alunni non porterà a una riduzione del corpo docente. Come si fa? Semplice: con l’aumento dell’offerta formativa, con il potenziamento e con il ricorso al tempo pieno dove ancora non c’è.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione