Bussetti cosa combini? Sit in dei socialisti giovedì 11 luglio

Print Friendly and PDF

Luca Fantò Referente nazionale PSI scuola – E’ oggettivamente difficile, per chi conosce la scuola, capire la “ratio” che si cela dietro la scelta ministeriale di imporre ai Dirigenti Scolastici il riconoscimento biometrico.

Così, pochi giorni dopo aver visto fallire il concorso per Dirigente Scolastico maldestramente organizzato e quindi facile bersaglio di ricorsi, gli ex-Presidi sono di nuovo oggetto di attenzione da parte della politica.

Anche questa categoria, nonostante si sia dimostrata spesso accondiscendente nei confronti delle indicazioni provenienti da viale Trastevere, è oggi vittima delle scelte spesso confuse e apparentemente contraddittorie di chi scrive leggi sulla scuola.

Probabilmente a settembre, oltre ad avere decine di migliaia di cattedre vuote, avremo un numero abnorme di reggenze per le migliaia di scuole italiane.

La carenza di Dirigenti Scolastici, potrebbe facilmente essere risolta permettendo ad ogni Collegio docenti di eleggere il proprio Preside, questo eliminerebbe il problema delle reggenze e riavvicinerebbe questa figura alla didattica.

Noi socialisti siamo consapevoli delle difficoltà in cui opera chi lavora nella scuola pubblica e domani, giovedì 11 luglio, alle ore 10 in piazza Montecitorio, terremo un sit-in, con associazioni dei docenti e rappresentanti del personale scolastico, per far conoscere ai cittadini tali difficoltà.

Print Friendly and PDF

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia