Bussetti: certificato penale obbligatorio per chi lavora con i ragazzi

di redazione
ipsef

item-thumbnail

“Dobbiamo garantire la sicurezza assoluta degli studenti. È inammissibile che un autista di scuolabus abbia avuto problemi di alcol o addirittura sia stato condannato per molestie sessuali. Vogliamo che sia fatta lamassima chiarezza.” ha affermato il Ministro Bussetti oggi in visita a Crema, nella scuola in cui studiano i 51 studenti protagonisti lunedì dell’attacco all’autobus che li stava trasportando. 

“Chi è a contatto con i ragazzi – prosegue il Ministro – deve avere
tutti i requisiti necessari. Il ministro Salvini è stato
perentorio: va chiesto a chi lavora nell’ambito dei servizi al
pubblico il certificato penale obbligatorio. Non posso che
essere d’accordo con questa sua posizione”.

Una partita di calcio di Serie A. Potrebbe essere questo il premio per i ragazzi della seconda media della scuola Vailati di Crema che erano a bordo del
pulmann a cui ha dato fuoco l’autista. La proposta è venuta dal
ministro dell’Istruzione, Marco Bussetti, che li ha incontrati
oggi, definendoli “ragazzi da dieci e lode”.

Una partita di calcio di Serie A? Ha chiesto il ministro.
“Siiii!”, hanno risposto in coro gli studenti che hanno espresso
per lo più la preferenza per un incontro dell’Inter o della
Juventus. “Parlerò coi responsabili delle squadre, non credo mi
diranno di no”, ha aggiunto BUssetti.
Tra i premi anche un incontro con l’Arma dei carabinieri a
Roma.

Il ministro ha consegnato una targa agli studenti con la
dicitura: “Per il senso civico, la prontezza e il coraggio che
avete dimostrato, consentendo di mettervi tutti in
salvo”.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione