Bussetti: c’è bisogno di insegnanti giovani e preparati

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il Ministro Bussetti ha partecipato ieri alla Fiera Didacta a Firenze e si è soffermato ancora una volta sulla riforma del sistema di reclutamento, ancora in fieri.

“Vorrei rimettere ordine nel sistema di reclutamento: abbiamo bisogno di insegnanti giovani, insegnanti motivati, preparati e pronti ad affrontare nuove sfide educative” ha affermato il Ministro.

Il concorso per laureati

La riforma dovrebbe riguardare il FIT, ossia il periodo di tirocinio e formazione successivo alla vincita del concorso ordinario, dal quale non si prescinde. Aperto molto probabilmente a tutti i laureati (con piano di studi idoneo per l’insegnamento), ma con vincolo nella regione di assunzione. Concorso, Bussetti: “al più presto per giovani laureati”. I criteri

Nel frattempo il Ministro ha firmato il decreto per l’avvio del concorso straordinario per infanzia e primaria ed è al lavoro per quello ordinario.

Legge Buona Scuola rimane ma avrà delle modifiche

Sulla legge 107 Bussetti ha sottolineato che “quando si fa una legge che è impiantata su una riforma che non è ancora stata attuata completamente, diventa difficile poi sostenerla. La Buona scuola per noi rappresenta comunque una legge, e l’abbiamo già affrontata da questo punto di vista, che al proprio interno ha tutta una serie di elementi che stiamo modificando proprio in funzione del miglioramento delle nostre istituzioni”.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione