Bussetti: aumentato FFO. Link: università ancora sotto-finanziata

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Comunicato Link Coordinamento Universitario – Apprendiamo a mezzo stampa, tramite un articolo pubblicato su “Il Sole 24 Ore” lunedì 19 agosto, che il Ministro Bussetti a breve pubblicherà il decreto con cui stabilisce l’ammontare del Fondo di Finanziamento Ordinario (FFO) per le università.

Nonostante l’ammontare complessivo del fondo sia aumentato di circa 110 milioni, tale incremento è legato esclusivamente alle voci di finanziamento vincolate, ovvero quelle voci che gli atenei -non tutti in egual misura- possono utilizzare solo per specifici interventi. Inoltre è da notare come l’incremento più significativo delle quote vincolate si riferisca a fondi che erano già stati previsti per l’assunzione straordinaria di ricercatori con la finanziaria del dicembre 2017, fatta sotto il governo Gentiloni. Al contrario l’ammontare delle quote non vincolate in totale cala di circa 5,7 milioni di euro, effetto combinato della riduzione della quota base (-126,7 milioni) e un aumento della quota premiale (+91 milioni) e del fondo perequativo (+30 milioni).

“Nonostante le continue proteste della comunità accademica – dichiara Camilla Guarino, Coordinatrice di Link Coordinamento Universitario- il Governo, in continuità con i precedenti e disattendendo le promesse degli ultimi mesi, non intende investire seriamente nell’Università, che rimane in uno stato di sottofinanziamento allarmante. Evidentemente l’istruzione universitaria non è una priorità per questo Governo, nonostante i dati continuino a dirci che siamo uno dei paesi europei con meno laureati, che in proporzione al PIL spende di meno in università e che ha le tasse universitarie più alte.”

“È preoccupante la tendenza del Ministero di aumentare la quota premiale, che si basa su indicatori come la Valutazione della Qualità della Ricerca, VQR, che mettono in competizione ricercatori ed atenei producendo comportamenti e politiche distorte rispetto a come dovrebbe essere gestita l’attività di ricerca: in questo modo, in un contesto di risorse ridotte, l’attribuzione di tale quota risulta seguire una logica punitiva. Infine, l’utilizzo delle quote vincolate a interventi una tantum e a piani di reclutamento straordinari dei ricercatori mostra come si continuino a mettere delle pezze a problemi che invece necessitano di una risposta strutturale di un maggiore finanziamento dell’università”.

“Per questo- aggiunge Guarino- stiamo scrivendo l’Università del Futuro, una proposta che metta al centro il finanziamento al sistema universitario e la sua distribuzione, affinchè l’Università diventi una priorità all’interno del Paese”

Università, Bussetti: incrementato Fondo ordinario per favorire internazionalizzazione

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione