Bussetti, a Sud ci vuole più tempo pieno con insegnanti volontari

di redazione
ipsef

item-thumbnail

La dispersione è uno dei temi di questi anni che ha riguardato la scuola e se è vero che colpisce molte realtà metropolitane della penisola, è anche vero che le aree più colpite sono quelle del Sud.

Il tema, dice Bussetti, “per me è assai importante perché racchiude anche dispersione di risorse, energie, lavoro. Dobbiamo quindi efficientare le risorse economiche che già ci sono. Per abbattere il problema dispersione vorrei portare nella scuola pubblica l’esperienza che ho vissuto io stesso: insegnanti volontari che si ritrovano in centri in alcune aree più complesse, dove ragazzi chiedono aiuto per recuperare in alcune discipline scolastiche, lacune che spesso partono da una difficoltà psicologica, di fragilità emotiva“.

E’ la proposta del ministro dell’Istruzione, Marco Bussetti, intervistato dal Mattino sull’abbandono scolastico al Sud: l’idea è che i ragazzi “in questi centri ritrovano prima di tutto l’autostima e poi la voglia di tornare sui banchi di scuola. Invito l’assessore comunale Palmieri a creare questi centri qui a Napoli“.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione