“Burocrazia molesta e peso della distanza. Spendo 1000 euro al mese per oltre 200 km al giorno”. L’appello di un preside: “Il Ministero trovi una soluzione” [VIDEO INTERVISTA]

WhatsApp
Telegram

I dirigenti scolastici scendono in piazza e chiedono di essere ascoltato dal Ministero dell’Istruzione e del Merito. Tutto questo a pochi giorni dalle parole del ministro Valditara a Fiera Didacta in cui aveva esaltato il lavoro dei presidi definito “straordinario” con “stipendi del tutto inadeguati”. I dirigenti vogliono un aiuto e non solo parole.

A Orizzonte Scuola interviene Nazario Maladrino, dirigente scolastico fuori sede.

“Come dirigenti scolastici pendolari, viviamo il peso della responsabilità e della distanza doppiamente. Non solo siamo pagati poco, ma la mancanza di collegamenti validi ci costringe a spendere anche 1.000 euro al mese per spostarci, facendo 220 chilometri al giorno in macchina”, spiega.

“Questa situazione è particolarmente difficile nel Lazio, dove i dirigenti da quattro anni non percepiscono nemmeno una parte dei loro stipendi. Siamo stati strappati alle nostre famiglie a causa di un concorso nazionale e l’accesso ai pubblici uffici in Italia avviene solo tramite concorso o ricorso”, aggiunge.

“Il Ministero dell’Istruzione e del Merito dovrebbe trovare la situazione ideale per i dirigenti scolastici, ma in realtà ci troviamo a dover gestire una pesante burocrazia inutile e monitoraggi che ci impediscono di esercitare la nostra funzione di leadership educativa. I ragazzi che incontriamo ogni giorno hanno problemi reali e non meritano un dirigente strappato loro dalle burocrazie. Questa è la situazione attuale”, conclude.

Leggi anche

Mobilità, dirigenti scolastici in piazza per rimuovere i vincoli. I sindacati: “Oltre 1200 vogliono tornare a casa” [VIDEO INTERVISTE]

WhatsApp
Telegram

Percorsi abilitanti 30-60 CFU, apertura straordinaria e full immersion nel mese di luglio. Contatta Eurosofia