Burioni, licenziamo i docenti non vaccinati. Pacifico (Anief): parole inqualificabili, si dedichi a trovare soluzioni per sconfiggere il virus

Stampa

Anief – Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, replica alle sprezzanti parole del virologo contro i docenti non vaccinati e sindacati che li difendono: “Burioni si dedichi a trovare soluzioni definitive per sconfiggere il Covid-19 piuttosto che attaccare chi difende la salute degli studenti e del personale rispetto a soluzioni inutili e discriminatorie quale l’uso del green pass.

Certo, il vaccino – continua Pacifico – è uno degli strumenti che in questo momento eccezionale ci ritroviamo a utilizzare, solo che non c’è l’obbligo a scuola e persino chi è vaccinato può contagiarsi o contagiare: un uomo di scienza dovrebbe accusare i politici di vergognarsi per non aver sdoppiato le classi in due anni e non quegli insegnanti che hanno garantito la didattica a distanza dei figli degli italiani perché gli spazi per la sicurezza c’erano e oggi invece non ci sono”.

“Ancora una volta – ha continuato il sindacalista autonomo – sarebbe stato più opportuno tacere, piuttosto che aizzare l’opzione pubblica. Dagli scienziati ci aspettiamo delle certezze, come eravamo abituati ad avere in passato, piuttosto che commenti inqualificabili, anche contro i sindacati che conoscono le norme comunitarie, regolamenti Ue, raccomandazioni del consiglio di Europa sulla illegittimità dell’obbligo del Green Pass: quando vuole ne parliamo in una delle trasmissioni e dove preferisce”, ha concluso Pacifico invitando il virologo al confronto.

Firma la petizione per modificare la norma sull’obbligo del green pass a scuola durante l’esame di conversione in Parlamento (l’hanno fatto già in 115mila): aderisci al ricorso per l’annullamento o la disapplicazione dell’obbligo entro il 23 agosto. Sciopera il primo giorno del calendario regionale delle lezioni.

Durissimo attacco su Twitter del virologo Roberto Burioni contro la categoria dei docenti: “Gli insegnanti che senza motivo rifiutano il vaccino” anti covid “mettendo a rischio i loro studenti (che dovrebbero proteggere e formare con il buon esempio) non dovrebbero essere tamponati gratuitamente ma licenziati immediatamente. Vergogna per i sindacati che li difendono. Rimango stupito – ha aggiunto lo scienziato – dal fatto che dei sindacati, con giri ridicoli e fumosi di parole, non mettano al primo posto la sicurezza dei lavoratori nei luoghi di lavoro, sicurezza che in questo momento può essere ottenuta solo con la vaccinazione”.

Sempre su Twitter, è stata immediata la replica del presidente Anief Marcello Pacifico: “Si deve vergognare chi fa queste affermazioni e non lotta per garantire il distanziamento durante le lezioni. Così si lotta contro un virus non con questi attacchi gratuiti e contro la scienza e il diritto”, ha scritto il leader del giovane sindacato rappresentativo.

Stampa