Burioni, estendere obbligo vaccinazioni anche ad operatori della scuola

di redazione
ipsef

item-thumbnail

A dirlo Roberto Burioni, virologo a favore del divieto di iscrizione al nido e all’infanzia per i bambini non vaccinati.

“Vaccinare e vaccinarsi è un dovere civico: la circolare del ministero della Salute va bene, ma è un primo passo”.

“Questa norma è sacrosanta – spiega il professore all’ANSA – ed è un primo passo importante, anche se bisogna fare ancora di più: la copertura deve essere elevata anche ai bambini più grandi, che frequentano la scuola dell’obbligo, e agli adulti. Così come vige il divieto di circolazione sulle strade invernali ad auto che non abbiano un adatto equipaggiamento – dice il virologo – è corretta una norma che vieti ai bambini non vaccinati di frequentare la scuola: sono un pericolo per sé e per gli altri”. Secondo Burioni, sarebbe necessario che anche gli adulti fossero vaccinati, a partire proprio da chi – come gli operatori scolastici – è a stretto contatto con le categorie più a rischio.

“Non permettere l’accesso a scuola ai bambini non vaccinati – argomenta il medico – è davvero molto giusto, perché un più alto livello di immunizzazione garantisce la salvaguardia di soggetti più a rischio, come appunto i bambini”.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione