Buona Scuola: via libera Consiglio Ministri a 8 deleghe, da reclutamento a sostegno a riforma 0 – 6. Cosa cambia e l”iter di approvazione

di redazione
ipsef

La Legge Buona Scuola prosegue il suo cammino: oggi il Consiglio dei Ministri ha dato il via libera a 8 delle 9 deleghe.

Riforma, dalla formazione e reclutamento al sostegno. I testi dei decreti in parlamento

Resta fuori quella sul Testo Unico.

Le deleghe riguardano:

  • inclusione scolastica
  • cultura umanistica;
  • diritto allo studio;
  • formazione iniziale e accesso all’insegnamento nella scuola secondaria di primo e secondo grado;
  • istruzione professionale;
  • scuole italiane all’estero;
  • sistema integrato di istruzione dalla nascita fino a sei anni;
  • valutazione, certificazione delle competenze ed Esami di Stato.

L’iter per l’approvazione. I provvedimenti andranno ora in Conferenza Unificata per l’apposito parere e alle competenti Commissioni parlamentari.

Dal pacchetto approvato oggi resta fuori il Testo Unico in materia di istruzione ossia il Decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, per ilriordino delle numerose norme che riguardano il sistema nazionale scolastico.

Cosa cambia

Deleghe legge 107. Tra le novità: educatrici nido dovranno essere laureate, cambia la formazione per il sostegno

Riforma formazione e reclutamento, concorso e tre anni di formazione. Soluzione transitoria per Graduatorie Istituto

Nuovi esami di Stato per media e superiori, meno scritti. Novità per Invalsi. Nuove regole dal 2018. Anteprima

Riforma buona scuola: educatrici nido dovranno essere laureate

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione