La Buona Scuola: il tour e le iniziative per le nuove proposte

WhatsApp
Telegram

Quella che è nata come una consultazione su “La Buona Scuola” è ora diventato un vero e proprio tour con tante iniziative e proposte per portare innovazione nella scuola Italiana.

Quella che è nata come una consultazione su “La Buona Scuola” è ora diventato un vero e proprio tour con tante iniziative e proposte per portare innovazione nella scuola Italiana.

Il tour, partito l’8 ottobre e che toccherà tutto il territorio nazionale coinvolgendo il ministro Stefania Giannini, i Sottosegretari del MIUR, avrà lo scopo di esporre il rapporto presentato dal governo sulla scuola cui seguiranno consultazioni durante le quali gli esponenti del ministero si confronteranno con docenti, genitori, studenti, Università, imprese, Associazioni, insomma tutti i soggetti chiamati in causa nel delicato rapporto che coinvolge la formazione dei nostri giovani e il loro ingresso nel mondo del lavoro.

All’appuntamento dell’8 ottobre a Torino è stato presente il Sottosegretario all’Istruzione Toccafondi, mentre, sempre lo stesso giorno, a L’Aquila, il capo di Gabinetto Fusacchia.




Il Tour è proseguito oggi 9 ottobre a Bolzano, dove ha partecipato il ministro Stefania Giannini. Le prossime tappe del tour “La Buona Scuola” saranno Trieste, Bergamo, Milano, Napoli, Verona, Bologna solo per citare alcune delle città inserite nei programmi dei prossimi giorni.

La scuola in Musica
La proposta del governo della musica a scuola alcuni esperti del settore hanno presentato il 6 ottobre presso la sala della Comunicazione del Miur con un convegno un Piano nazionale per l’apprendimento pratico della musica con l’intento di assicurare il successo della proposta del Governo promuovendo la sensibilizzazione del pubblico verso le manifestazioni musicali.

Coding
La settimana della programmazione avrà inizio sabato 11 ottobre e si concluderà il 17 ottobre. L’iniziativa Europe Code Week è volta a favorire le forme di apprendimento intuitive che riescano ad avvicinare anche i più giovani al mondo della programmazione.
All’interno della Settimana europea della Programmazione il Miur rilancerà l’iniziativa “Programma il futuro” cui potranno accedere tutte le scuole in base al loro coinvolgimento al CodeWeek. Le varie scuole potranno partecipare alle iniziative organizzate nel corso del CodeWeek aderendovi compilando l’apposito modulo online indicando un proprio referente.

Expo 2015
Anche la scuola sarà coinvolta nell’Expo 2015, anzi due bandi di concorso permetteranno alle scuole di partecipare a un progetto di educazione alimentare "Abbiamo avviato dei percorsi che consentiranno di cogliere l’occasione dell’Expo per lavorare sui contenuti dell’Esposizione e sui corretti stili di vita e su una sana alimentazione – ha spiegato il Ministro Maurizio Martina -. Abbiamo messo in campo un set di interventi per fare della scuola italiana la protagonista assoluta di Expo 2015". I progetti della scuola per l’Expo sono “un esempio di buona scuola che esiste già – ha sottolineato il Ministro Stefania Giannini con riferimento al titolo del Piano del governo per la scuola -. Due milioni di euro è il contributo finanziario arrivato da viale Trastevere per queste iniziative. Sono il punto di partenza affinché anche la cultura alimentare venga insegnata fin da piccoli. Stiamo mobilitando 2 milioni di studenti per l’Expo 2015”.

Con il bando “La scuola per Expo 2015” si vuole valorizzare la progettazione di elaborati basati sull’utilizzazione delle tecnologie digitali. Tra i premi in palio visite guidate presso i padiglioni dell’Expo.

Il bando “Together Expo 2015” invece, vuol coinvolgere gli studenti in gemellaggi con scuole internazionali. Potranno aderire al progetto, e quindi saranno premiati, i 10 migliori progetti di gemellaggio.

Webtrotter Educator: formazione per i docenti
Per insegnare agli studenti il modo migliore di ricercare in modo pratico ed intelligente informazioni in internet è stato proposto ed introdotto un percorso formativo per i docenti chiamato “Webtrotter Educator”; il corso, suddiviso in tre parti della durata di 2 mesi circa ciascuna, sarà gratuito e dedicato ad assimilare competenze per la ricerca di informazioni sul web. Inoltre sarà insegnato come leggere in maniera critica le informazioni travate. Alla fine del percorso ai docenti sarà rilasciato un attestato di frequenza dal MIUR.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur