Buona Scuola, Petraglia (SEL): solo un castello di bugie. Mantenuti i tagli Tremonti-Gelmini

di redazione
ipsef

"La cosiddetta 'Buona Scuola' è in realtà solo un castello di bugie, non a caso la Corte dei Conti l'ha bocciata confermando che i tagli dei ministri Tremonti e Gelmini non sono stati in realtà mai sanati. Evidentemente, un anno fa,  non eravamo noi i gufi". 

"La cosiddetta 'Buona Scuola' è in realtà solo un castello di bugie, non a caso la Corte dei Conti l'ha bocciata confermando che i tagli dei ministri Tremonti e Gelmini non sono stati in realtà mai sanati. Evidentemente, un anno fa,  non eravamo noi i gufi". 

Lo ha dichiarato la senatrice Alessia Petraglia, capogruppo di Sinistra Italiana – SEL in Commissione Istruzione.

"I docenti che risultano realmente assunti risulterebbero essere solo 47mila, eppure il Sottosegretario all'Istruzione, Davide Faraone, continua ad affermare che le assunzioni saranno in tutto 90mila,  compresi i vincitori del concorso 2016 (un concorso ancora in essere, i cui posti in organico saranno possibili non prima del 2017).

"Tra l'altro, anche per il personale Ata, già sottodimensionato,  non c'è nessun incremento all'orizzonte. Ciò  non aiuta certamente il buon funzionamento della scuola. Insomma, il Pd mente sapendo di mentire, visto che è da febbraio scorso che sbandiera in tutta Italia manifesti  relativi all'assunzione di ben 100mila docenti! Sinistra Italiana presenterà un'interrogazione urgente in merito, perché – ha concluso Petraglia – è ora  di far conoscere al Paese la differenza tra i dati reali e le bugie del governo".

6.7.2016

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione