Buona scuola. Decreti applicativi, numerosi quelli ancora da pubblicare. Ecco quali

di redazione
ipsef

item-thumbnail

La legge n. 107/2015, com’è noto, è stata seguita dalla pubblicazione dei vari decreti legislativi necessari all’attuazione della stessa.

Questi i decreti pubblicati:

DECRETO LEGISLATIVO 13 aprile 2017, n. 59 
Riordino, adeguamento e semplificazione del sistema di formazione iniziale e di accesso nei ruoli di docente nella scuola secondaria per renderlo funzionale alla valorizzazione sociale e culturale della professione, a norma dell’articolo 1, commi 180 e 181, lettera b), della legge 13 luglio 2015, n. 107.

DECRETO LEGISLATIVO 13 aprile 2017, n. 60

Norme sulla promozione della cultura umanistica, sulla valorizzazione del patrimonio e delle produzioni culturali e sul sostegno della creativita’, a norma dell’articolo 1, commi 180 e 181, lettera g), della legge 13 luglio 2015, n. 107.

DECRETO LEGISLATIVO 13 aprile 2017, n. 61
Revisione dei percorsi dell’istruzione professionale nel rispetto dell’articolo 117 della Costituzione, nonche’ raccordo con i percorsi dell’istruzione e formazione professionale, a norma dell’articolo 1, commi 180 e 181, lettera d), della legge 13 luglio 2015, n. 107.

DECRETO LEGISLATIVO 13 aprile 2017, n. 62

Norme in materia di valutazione e certificazione delle competenze nel primo ciclo ed esami di Stato, a norma dell’articolo 1, commi 180 e 181, lettera i), della legge 13 luglio 2015, n. 107.

DECRETO LEGISLATIVO 13 aprile 2017, n. 63
Effettivita’ del diritto allo studio attraverso la definizione delle prestazioni, in relazione ai servizi alla persona, con particolare riferimento alle condizioni di disagio e ai servizi strumentali, nonche’ potenziamento della
carta dello studente, a norma dell’articolo 1, commi 180 e 181, lettera f), della legge 13 luglio 2015, n. 107.

DECRETO LEGISLATIVO 13 aprile 2017, n. 64
Disciplina della scuola italiana all’estero, a norma dell’articolo 1, commi 180 e 181, lettera h), della legge 13 luglio 2015, n. 107. (17G00072) (Suppl. Ordinario n. 23)

DECRETO LEGISLATIVO 13 aprile 2017, n. 65
Istituzione del sistema integrato di educazione e di istruzione dalla nascita sino a sei anni, a norma dell’articolo 1, commi 180 e 181, lettera e), della legge 13 luglio 2015, n. 107.

DECRETO LEGISLATIVO 13 aprile 2017, n. 66

Norme per la promozione dell’inclusione scolastica degli studenti con disabilita’, a norma dell’articolo 1, commi 180 e 181, lettera c), della legge 13 luglio 2015, n. 107.

Ciascuno dei sopra riportati decreti, a sua volta, prevede l’adozione di altri decreti applicativi, alcuni dei quali già pubblicati.

In data odierna, come riferito dallo Snals, si è svolto un’incontro al Miur al fine di verificare lo stato dell’arte dei detti decreti applicativi.

I decreti già pubblicati sono: il DM 616/2017, relativo all’acquisizione dei 24 CFU necessari per la partecipazione al nuovo concorso, previsto dal D.lgs. n. 59/2017; il DM 741/2017 relativo all’esame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione; il DM n. 742/2017 relativo alla certificazione delle competenze nel primo ciclo di istruzione.

Concorso a cattedra 2018. I 24 CFU: decreto, programmi da studiare, costi, come acquisirli. Lo speciale

Esami media, cambia prova italiano: ci sarà la sintesi. Prova Invalsi non inciderà su voto finale. Ecco Decreto

Certificazione competenze scuola primaria e media, i modelli nazionali. Decreto Miur

Tutti gli altri decreti previsti sono in corso di redazione, tranne alcuni quasi pronti.

Questo, come riportato dallo Snals, lo stato dell’arte:

–    In merito al d.lgs. 59/17 sono previsti 11 D.M. attuativi di cui uno è già stato adottato ad Agosto concernente i 24 CFU, mentre un secondo più urgente da emanare riguarda l’art.17 c.2 lett. b) relativo al concorso riservato per i docenti abilitati della scuola secondaria da bandire entro febbraio 2018. Il decreto attuativo prevede una sola prova orale di natura didattico metodologico, superata la quale, si accede all’incarico annuale al 3° anno del FIT e quindi all’assunzione. Il punteggio complessivo sarà costituito dall’attribuzione del punteggio fino a 60 punti in base ai titoli culturali e professionali posseduti secondo la tabella di valutazione allegata e fino a 40 punti dalla prova orale.Verrà quindi formulata una graduatoria annuale regionale da utilizzare annualmente ai fini dell’avvio del percorso annuale. Per quanto riguarda l’art.17 c.2 lett. b) e c) per il momento non ci sono testi di bozza.

–    In merito al d.lgs. 60/17 sono previsti 5 decreti sui quali un gruppo di lavoro interno al MIUR sta già lavorando ma attualmente non ci sono testi di bozza.

–    In merito al d.lgs. 61/17 sono previsti 3 decreti attuativi di cui uno molto importante sui nuovi ordinamenti scolastici.

–    In merito al d.lgs. 62/17 è stato già emanato per quest’anno scolastico un decreto sulla valutazione e certificazione delle competenze per il I ciclo, mentre per il prossimo anno scolastico deve essere emanato quello per il nuovo esame di Stato per il II grado.

–    In merito al d.lgs. 63/17 sono 4 i decreti attuativi previsti di cui quelli già pronti sono uno sulla carta dello studente, borsellino elettronico e voucher e uno sulle borse di studio.

–    In merito al d.lgs. 64/17 il dott. Pinneri comunica che non tutti i decreti sono di competenza esclusiva del MIUR fa eccezione invece quello concernente l’istruzione e sistema di valutazione delle scuole italiane all’estero che è unicamente di emanazione del MIUR.

–    In merito al d.lgs. 65/17 sono previsti 6 decreti attuativi di cui 2 pronti sono consegnati alle OO.SS. e riguardano rispettivamente finalità e criteri di riparto del Fondo nazionale del sistema integrato di educazione ed istruzione e il piano triennale per la promozione del sistema integrato di educazione ed istruzione.

–    In merito al d.lgs. 66/17 sono previsti 4 decreti la cui emanazione riguarderà gli inizi del 2018. Due decreti sono stati emanati, uno quello concernente l’Osservatorio permanente ed uno quello relativo alla sua composizione. L’ultimo decreto è in bozza e riguarda la continuità didattica del docente supplente su alunno con Handicap per il quale si prevedono tempi più lunghi per la sua discussione ed emanazione.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
voglioinsegnare