Bullismo, scuola responsabile anche se alunno maggiorenne. Nessuno sconto su vigilanza docenti

Di
WhatsApp
Telegram

red – E’ il caso di un alunno che, durante una recita scolastica, vestito da angelo, ha dato fuoco, con un accendino, alle ali di una compagna di classe causandole gravi ustioni.

red – E’ il caso di un alunno che, durante una recita scolastica, vestito da angelo, ha dato fuoco, con un accendino, alle ali di una compagna di classe causandole gravi ustioni.

La ragazza ha denunciato copagno e Ministero, in solido. Ma il Ministero rispondeva che, data la maggiore età del ragazzo, i doveri di vigilanza dei docenti erano attenutati.

Mentre il tribunale accoglieva le ragioni avanzate dal Ministero, la Cassazione civile, sez. III, con sentenza 15.05.2013 n° 11751, decideva per l’accoglimento della tesi degli avvocati della ragazza, invocando la legge del 1980 n. 312 che assegna all’istituzione "responsabilità civile per i danni arrecati in connessione a comportamenti degli alunni durante la loro permanenza a scuola."

La colpa assegnata alla scuola riguarda  la mancata adozione di "tutti i provvedimenti informativi, organizzativi, anche di emergenza, e prescrittivi, anche disciplinari, ed impartito le relative informazioni sia ai partecipanti alla recita, sia agli spettatori di essa, atti a garantire la sicurezza della scuola, anche nello svolgimento delle attività ricreative (art. 3 D.P.R. 31 maggio 1974 n. 417, di cui è destinatario il personale direttivo) al fine di impedire l’evento verificatosi, non imprevedibile stante la pericolosità del costume elevatamente infiammabile indossato da alcuni allievi partecipanti alla recita (approvata dal collegio dei docenti), ovvero ad impedirne tempestivamente le disastrose conseguenze, vieppiù se taluni che lo indossavano si erano allontanati dall’aula magna in cui vi erano tutti, ed hanno statuito la conseguente superfluità dell’indagine sulla responsabilità extracontrattuale, astrattamente concorrente."

La Cassazione, dunque, condanna il Ministero dell’Istruzione, Università e ricerca scientifica a pagarele spese del giudizio di cassazione pari ad Euro 7.200, di cui Euro 7.000 per onorari

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito