Il bullismo è un problema di salute pubblica in età pediatrica

di Giulia Boffa
ipsef

GB – Una recente meta-analisi pubblicata su ‘Pediatrics’ da Gianluca Gini e Tiziana Pozzoli del Dipartimento di Psicologia dello sviluppo e della socializzazione dell’Università degli Studi di Padova hanno stabilito che i bambini e ragazzi vittime di bullismo hanno un maggior rischio di presentare problemi di salute: in agguato emicrania, mal di schiena, problemi della pelle e disturbi del sonno.

GB – Una recente meta-analisi pubblicata su ‘Pediatrics’ da Gianluca Gini e Tiziana Pozzoli del Dipartimento di Psicologia dello sviluppo e della socializzazione dell’Università degli Studi di Padova hanno stabilito che i bambini e ragazzi vittime di bullismo hanno un maggior rischio di presentare problemi di salute: in agguato emicrania, mal di schiena, problemi della pelle e disturbi del sonno.

“Abbiamo condotto una meta-analisi su 30 studi che hanno coinvolto un totale di circa 220.000 studenti dai 7 ai 18 anni, con l’obiettivo di quantificare l’associazione tra il coinvolgimento in atti di bullismo e l’insorgenza di problemi di salute nella popolazione in età scolare”, spiega Gini.

“Sappiamo da tempo che gli studenti più frequentemente coinvolti nel fenomeno del bullismo hanno un rischio maggiore, rispetto agli altri coetanei, di presentare problemi psicologici quali ansia, bassa autostima, depressione e difficoltà scolastiche, che possono portare a scarso successo e all’abbandono scolastico. Questa nuova meta-analisi, che amplia i risultati di un lavoro precedente del 2009, evidenzia che i bambini che sono bersaglio di aggressioni fisiche, verbali o relazionali da parte dei compagni di scuola hanno un rischio doppio, rispetto ai coetanei, di soffrire di sintomi a carico della sfera somatica, quali emicrania, mal di schiena, dolori addominali, problemi della pelle, ma anche problemi del sonno, stanchezza persistente, inappetenza, enuresi. Questa relazione – assicura – è riscontrabile anche a distanza di tempo dagli episodi di violenza subiti”.

I risultati di questo studio “suggeriscono che il bullismo debba essere considerato un problema importante di salute pubblica in età pediatrica”, dicono i ricercatori.

La ricerca si dovrà ora occupare di verificare se gli stessi problemi di salute si riscontrano con la medesima gravità nei casi di cyberbullismo, ovvero la violenza perpetrata per mezzo dei telefoni cellulari e Internet.

Versione stampabile
anief
soloformazione