Bullismo, “MABASTA”: raccolta fondi per arginare e prevenire il fenomeno

di redazione
ipsef

Gent.ma Amica / Amico,
non chiamarci sfacciati, anzi sì, perché per il nostro obiettivo un po’ di sfacciataggine non guasta.

Gent.ma Amica / Amico,
non chiamarci sfacciati, anzi sì, perché per il nostro obiettivo un po’ di sfacciataggine non guasta.

Siamo gli alunni della classe 1°A dell'Istituto "Galilei-Costa" di Lecce, quelli che hanno ideato e che portano avanti “MABASTA”, il Movimento Anti Bullismo Animato da STudenti Adolescenti (www.mabasta.org).

Da qualche giorno è partita una piccola raccolta fondi (crowdfunding) a nostro favore che ci sarà utile per:

•       Avviare la formazione on line per quelli che saranno i “Bulliziotti”, studenti più grandi e rispettati, che in ogni scuola d’Italia fungeranno da responsabili a cui vittime e spettatori potranno rivolgersi in casi di bullismo e cyberbullismo;

•       Mettere in tutte le scuole le “Bullibox”, che sono delle urne per accogliere segnalazioni, anche in anonimato;

•       Creare un Centro di Ascolto Digitale che opererà in rete (sul web e attraverso i social network più comuni) e a cui tutti potranno rivolgersi;

•       Aumentare in tutta Italia le “Classi Debullizzate”.

La campagna di raccolta fondi si chiama “MaBastano 5 euro” in quanto si può partecipare a partire da 5 euro. 

Appena raggiungiamo l’obiettivo di 2.500 euro la società Fastweb raddoppierà l’importo contribuendo con altri 2.500, per un totale di 5.000 euro.

Si può partecipare:

·         attraverso la piattaforma di crowdfunding Eppela all’indirizzo www.eppela.com/mabasta

·         con un bonifico all’Iban: IT58B0844516000000000955703 (intestato ad Arianoa). In questo ultimo caso, per emettere la relativa ricevuta / fattura, ci occorrerà conoscere il tuo Nome e cognome, indirizzo fisico, codicefiscale / partita Iva.

Scusaci per questa intrusione, ma ci crediamo così tanto in un importante cambiamento, che può (e deve) partire e avvenire dal basso!

Un grande GRAZIE in anticipo e buona vita!

Staff MaBasta

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione