Breccia nelle Graduatorie ad esaurimento: entrano alcuni esclusi per non aver aggiornato

Di
Stampa

red – Il Tar del Lazio, Sezione III bis, presieduto dal Cons. Massimo Luciano Calveri, ha sospeso il D.M. 235/14 di aggiornamento delle G.A.E. e ammesso alcuni docenti depennati dalle Graduatorie ad esaurimento, assistiti dagli avvocati Santi Delia e Michele Bonetti per associazione sindacale "La Voce dei Giusti". Ma potrebbero non mancare nuovi colpi di scena

red – Il Tar del Lazio, Sezione III bis, presieduto dal Cons. Massimo Luciano Calveri, ha sospeso il D.M. 235/14 di aggiornamento delle G.A.E. e ammesso alcuni docenti depennati dalle Graduatorie ad esaurimento, assistiti dagli avvocati Santi Delia e Michele Bonetti per associazione sindacale "La Voce dei Giusti". Ma potrebbero non mancare nuovi colpi di scena

"È una vittoria davvero importante" riferiscono gli avvocati – in cui il Tar ha ritenuto di annullare un Decreto del Ministero"

Il T.A.R., ricordano i legali, ha richiamato, per concedere l’immediata ammissione, la recente sentenza sui depennati sul precedente D.M. di aggiornamento su cui il Consiglio di Stato ha usato parole durissime per stigmatizzare la scelta del MIUR. "L’esito voluto dall’amministrazione è contraddittorio, e non privo di elementi di prevaricazione per le legittime aspettative giuridiche degli interessati, perché l’avere blindato le graduatorie, nella prospettiva del loro esaurimento, non può giustificare, apparendo anzi sommamente ingiusto, la cancellazione definitiva dalle medesime per effetto di una omissione non consapevole perché non debitamente partecipata e in assenza di una corretta e completa partecipazione procedimentale", ricorda l’avvocato Delia.

Segui su Facebook le news del mondo della scuola

Per l’avvocato Michele Bonetti "trattasi di una nuova breccia nel muro delle GAE mediante una coraggiosa decisione del Tar del Lazio"

Ricordiamo che proprio qualche giorno fa il Consiglio di Stato, con sentenza n. 3658 del 14 luglio 2014 aveva ritenuto illegittimo il decreto ministeriale n. 42/2009 (cioè il decreto di aggiornamento delle graduatorie ad esaurimento del 2009) nella parte in cui non ha previsto l’obbligo per gli Uffici Scolastici Provinciali di comunicare ai docenti già iscritti nelle graduatorie ad esaurimento, e che hanno omesso di presentare la domanda di esservi confermati, gli effetti della legge n. 143/2004, avvertendoli dell’onere di presentare detta domanda di conferma entro un termine prefissato, pena la cancellazione da quest’ultima” .

Questa nuova sentenza invece fa riferimento all’attuale decreto di aggiornamento, quello del 1° aprile 2014

Esclusi dalle Graduatorie ad esaurimento per non aver presentato domanda di aggiornamento. Consiglio di Stato contro Miur

Quella dei "depennati" dalle Graduatorie ad esaurimento per non aver prodotto domanda di aggiornamento non è l’unica categoria ad avere ottenuto responso affermativo alla richiesta di inserimento nelle Graduatorie ad esaurimento. Sono stati ammessi anche i cosiddetti "congelati Ssis" Leggi tutto

Ma la vicenda più consistente è legata ad altri ricorsi. In aderenza alla recente sentenza delle SS. UU. della Cassazione, il Collegio ha accolto con ordinanza cautelare n. 3051/14 la richiesta di inserimento con riserva dell’avv. F. Niro nel ricorso n. 7878/2014 per delle ricorrenti dei corsi ex-D.M. 85/05.

Graduatorie esaurimento 2014/17: TAR Lazio ordina inserimento in terza fascia e sospende il D.M. 235/2014 nel primo dei trenta ricorsi Anief depositati per 15.000 ricorrenti

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur