Braille, addio al copyright per i libri. Si apre una nuova era

di redazione
ipsef

red – La decisione è stata presa a Marrakech, dopo si è riunita l’Organizzazione Mondiale della Proprietà Intellettuale (WIPO) che ha concluso il primo trattato sul diritto d’autore dei libri in braille.

red – La decisione è stata presa a Marrakech, dopo si è riunita l’Organizzazione Mondiale della Proprietà Intellettuale (WIPO) che ha concluso il primo trattato sul diritto d’autore dei libri in braille.

Ciò si traduce nella possibilità di adottare leggi nazionali che consentano la riproduzione e la distribuzione di queste speciali opere senza copyright o con limitazioni dei diritti d’autore

Il trattato permette anche lo scambio di libri tra diversi paesi. Provvedimenti che consentiranno un abbattimento dei prezzi e una maggiore circolazione dei libri.

Spetterà adesso ai singoli paesi adottare una giusta legislazione. Sperando che l’Italia colga celermente tale opportunità

Versione stampabile
anief
soloformazione