Braia (IV): screening sia esteso a studenti, docenti e ATA delle superiori

WhatsApp
Telegram

“Ho scritto ieri pomeriggio al Presidente Bardi, al presidente della Provincia Marrese e al Sindaco di Matera Bennardi dopo le tantissime segnalazioni rispetto alla mancata organizzazione dello screening per gli studenti delle scuole di II grado di Matera. La Regione coordini e renda omogenea l’azione dei sindaci, non si limiti a fornire solo tamponi. La sanità regionale non abbandoni ma accompagni e sostenga queste iniziative di rilevanza collettiva, per la sicurezza di tutta la cittadinanza”.

Lo dichiara il consigliere regionale della Basilicata Luca Braia, capogruppo di Italia Viva che aggiunge: “Alla luce dell’ordinanza regionale n. 1 del 5/01/2022 con cui la Regione, con responsabilità, ha posticipato il riavvio delle attività didattiche al 10/01/2022 e alla luce delle comunicazioni da parte di alcuni sindaci di Basilicata, tra cui il sindaco di Matera, appare di fondamentale importanza chiarire immediatamente chi deve provvedere ad effettuare l’attività di screening alla popolazione scolastica degli alunni residenti nella città di Matera che frequentano le scuole superiori”.

“Dalle notizie diffuse ufficialmente – dice – la campagna di screening è stata prevista dal Sindaco di Matera a partire da oggi è fino a domenica, solo ed esclusivamente per gli studenti e le studentesse, i docenti e il personale scolastico delle scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di I Grado e non per le scuole di II grado. Tale posizione, su Matera, appare essere differente da quella presa dalla maggior parte dei Sindaci di Basilicata, dev’essere integrata e corretta immediatamente, con l’attività di screening da prevedere anche per studenti, docenti e personale scolastico delle scuole di II grado, residenti nella città di Matera, compresi quelli residenti nei paesi della vicina Puglia che frequentano le scuole di Matera, qualora non fossero riusciti a partecipare nei loro comuni”.

“Auspicando che vi sia realmente un coordinamento istituzionale di tutti i primi cittadini di Basilicata, da chiamare da parte del governatore Bardi ad un unico e omogeneo comportamento e obiettivo, compreso il sindaco di Matera e il presidente della Provincia – conclude – chiedo una immediata risoluzione di questa problematica che si rifletterà, naturalmente, sulla comunità interessata, rendendo vano il tentativo di contenere il più possibile il contagio del covid-19 nella popolazione scolastica, soprattutto delle scuole superiori nella città di Matera”.

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito