Boschi: “Io al posto di Azzolina? Non è vero, ma occorre scatto in avanti” [VIDEO]

Stampa

Maria Elena Boschi, deputata di Italia Viva, a Omnibus, respinge le voci che la riguardano circa la nomina a ministra dell’Istruzione al posto di Lucia Azzolina. 

“Voglio fare la ministra dell’Istruzione? No. Voglio fare il capogruppo di Italia Viva. Sono tutti chiacchiericci senza fondamento, non c’è nessun rimpasto in vista. Io non chiedo niente, voglio continuare a fare quello che sto facendo. Ciascuno di noi cerca di dare una mano”.

E poi: “Abbiamo supportato il lavoro della ministra Azzolina ma abbiamo chiesto uno scatto in avanti, è fondamentale che le scuole vengano riaperte. Abbiamo avuto qualche elemento di divergenza sulle risorse, siamo contenti che il governo abbia annunciato un ulteriore intervento da 1,5 miliardi. E’ fondamentale che ci siano gli insegnanti il primo giorno di scuola, non si può assistere al caos ad inizio anno. E’ fondamentale garantire i trasporti e avere scuole adeguate alle nuove norme”, aggiunge.

Ospite ad Omnibus, programma di approfondimento in onda su La 7, l'ex ministra per le Riforme nel governo Renzi, parla riguardo un suo possibile approdo a Viale Trastevere.FONTE La7

Posted by Orizzonte Scuola on Monday, July 27, 2020

Sul Recovery Fund afferma: “Non è necessario istituire nuove commissioni. Possiamo lavorare in Parlamento con le commissioni già esistenti. Abbiamo bisogno di far crescere posti di lavoro, non le poltrone in Parlamento”.

“Iv ha chiesto di dedicare una sessione in Parlamento ad agosto per discutere su come spendere i soldi del Recovery Fund. Quindi nessuna task force o nessuna nuova commissione, il Parlamento è già in grado di dare indirizzi precisi al governo su come spendere soldi”, aggiunge Boschi.

“L’importante è dare risposte concrete alle aziende, rinviare le tasse: dobbiamo votare nei prossimi giorni un nuovo scostamento di bilancio, cerchiamo di dare risposte”.

Stampa

Acquisisci le indispensabili competenze sulla Didattica digitale integrata. Eurosofia ha creato un ciclo formativo tecnico/pratico