Borse di studio universitarie, domande dal 20 gennaio. Bando Inps

WhatsApp
Telegram

Bando di concorso per borse di studio riservate a corsi universitari di laurea e corsi universitari di specializzazione post lauream in favore dei figli o orfani ed equiparati degli iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, dei pensionati utenti della Gestione Dipendenti Pubblici, degli iscritti alla Gestione Assistenza Magistrale, degli iscritti al Fondo Ipost

Requisiti:

a) età inferiore ai 32 anni alla data di scadenza del Bando;

b) non aver già fruito, per l’anno accademico 2019/2020, di altre provvidenze analoghe erogate dall’Istituto, dallo Stato, dagli Enti regionali per il diritto allo studio universitario o da altre Istituzioni pubbliche o private di valore superiore al 50 % dell’importo della borsa di studio messa a concorso;

c) non essere già risultato vincitore del Bando INPS “Collegi Universitari”, che comprenda anche l’anno accademico per il quale si concorre.

2. Gli studenti che concorrono all’assegnazione delle borse di studio per corsi universitari di laurea, oltre ai requisiti indicati al comma 1, devono essere in possesso dei seguenti e ulteriori requisiti:

a) non essere stati studenti ripetenti o iscritti fuori corso nell’anno accademico per il quale si concorre;

b) aver sostenuto tutti gli esami previsti dal piano degli studi scelto e approvato dall’Ateneo, relativi all’anno accademico per il quale si concorre;

c) aver conseguito tutti i crediti previsti dagli ordinamenti dei rispettivi corsi o del proprio piano di studi, in relazione all’anno accademico per il quale si concorre;

d) aver conseguito una media ponderata minima di 24/30 (data dalla somma dei voti di ogni esame, moltiplicata per il numero di CFU “crediti formativi universitari” di ogni esame, divisa per la somma di tutti i CFU conseguiti, escludendo i CFU degli esami senza votazione in trentesimi).
La predetta media ponderata minima è riferita a tutti gli esami dell’anno accademico per il quale si concorre, individuati secondo le prescrizioni della Facoltà o le indicazioni del piano di studi individuale approvato dal Consiglio di Facoltà, purché sostenuti entro l’ultima sessione utile del predetto anno accademico.
Laddove l’esame si articoli in una prova scritta e in una prova orale con voto finale, la votazione della prova scritta non concorre alla formulazione della media.
Per gli esami sostenuti all’estero o presso i Conservatori, non espressi in trentesimi, gli studenti dovranno obbligatoriamente inserire voti in trentesimi, pena l’esclusione, operando una conversione matematica del voto ottenuto. Il risultato dell’operazione matematica effettuata dovrà essere approssimato per eccesso, se la prima cifra decimale è pari o superiore a 5, per difetto se la prima cifra decimale è inferiore a 5;

e) nel caso di conseguimento del diploma di laurea nel medesimo anno accademico per il quale si concorre, aver riportato una votazione non inferiore a 88 su 110 o equivalenti.

Gli studenti che concorrono all’assegnazione delle borse di studio per corsi universitari di specializzazione post lauream, oltre ai requisiti indicati al comma 1, devono essere iscritti ad un corso di specializzazione post lauream nell’anno accademico 2019/2020 e aver conseguito un diploma di laurea con votazione non inferiore a 92/110.

La procedura per l’acquisizione della domanda sarà attiva dalle ore 12,00 del giorno 20 gennaio 2022 fino alle ore 12,00 del giorno 21 febbraio 2022.

Bando_Borse_di_Studio_Universitarie_a.a.__2019-2020

 

WhatsApp
Telegram

Concorso a cattedra ordinario secondaria, il corso Orizzonte Scuola: aggiornato con esempi di prova orale già pronti e simulatore EDISES per la prova scritta. A 150 EURO