Boom di reati legati ai social: la fascia d’età più colpita è quella dei 16-17 anni. Rapporto Criminalpol

WhatsApp
Telegram

L’ultimo Rapporto sui reati commessi dai minorenni in Italia redatto dalla Polizia Criminale rivela una preoccupante realtà. Si evidenzia un significativo aumento dei crimini legati alla violenza e un’esplosione dei delitti informatici, fortemente influenzati dall’uso esagerato dei social media.

Questo fenomeno, secondo il rapporto, contribuisce alla diffusione della cultura dell’illegalità e mancanza di empatia verso le vittime.

Il ruolo della famiglia, della scuola e delle istituzioni diventa cruciale nel contrastare questa tendenza, come sottolineato dal vicecapo della Polizia e direttore della Criminalpol, Raffaele Grassi. La desensibilizzazione alla violenza, favorita dall’esposizione continua a immagini violente nei media, riduce la percezione del disvalore sociale di tali comportamenti.

Stefano Delfini, direttore del Servizio analisi criminale della Polizia, cita l’esempio di alcuni trapper, che tramite i social media veicolano il messaggio di un successo raggiunto anche attraverso la commissione di crimini, influenzando negativamente i giovani.

Dati Preoccupanti:

  • Un incremento di denunce e arresti di oltre il 15% nell’ultimo decennio.
  • Diminuzione di segnalazioni di minorenni italiani, ma aumento di quelle di stranieri nel 2022.
  • La fascia d’età più colpita è quella dei 16-17 anni.
  • Reati prevalenti: violenza, furto, rapine, ricettazione, estorsione (39,47%).
  • Aumento delle segnalazioni per violenza sessuale (+6,59% tra 2010 e 2022).
  • Incremento delle denunce per reati informatici (da 30 nel 2010 a 286 nel 2022).

Le regioni del Nord-Ovest d’Italia registrano il maggior numero di denunce o arresti, seguite da Nord-Est e Centro. I reati sono principalmente contro il patrimonio, spesso non associati a pene detentive ma a ordinanze di custodia cautelare.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri