Bonus merito per tutti o per nessuno. Lettera

WhatsApp
Telegram

Mario Bocola – [..] Il bonus ai docenti ha creato all’interno del sistema scolastico delle vere e proprie fazioni, una sorta di lotta intestina tra guelfi e ghibellini, ha esasperato il clima di serenità negli ambienti di lavoro, ha innescato meccanismi di prevaricazione, non tenendo conto del merito dei docenti ma dell’approvazione dei Dirigenti Scolastici che, forti dei poteri conferitigli dalla legge, possono assegnare a loro discrezione il bonus dei docenti.

Ecco che si viene a innescare un circolo vizioso per cui si genera una partita da giocare all’inizio dell’anno scolastico quando il Dirigente Scolastico deve assegnare gli incarichi da affidare ai docenti. Quest’operazione, se negli anni passati era ovvia e routinaria, ora acquisisce il suo peso e il suo valore perché nel mezzo c’è il bonus premiale che deve essere assegnato al termine dell’anno scolastico.

Questo “maledetto” bonus premiale altro non è stato che una mina ad alto potenziale in un campo già altamente minato qual è la scuola. […]

Vogliamo valorizzare il merito, lo si faccia, dando la giusta ricompensa secondo precisi parametri e abolendo la discrezionalità del Dirigente Scolastico nella suddivisione della somma stanziata dal Miur. Altrimenti non si può parlare affatto di merito.

La cosa migliore sarebbe quella di redistribuire la somma del bonus premiale a tutti i docenti, anche se la legge della “Buona Scuola” non lo prevede. Premiare solo alcuni docenti, nella misura del 10% dell’organico complessivo, mentre il restante 90% no è una grave forma d’ingiustizia sociale nei riguardi di quei docenti che lo meritano a pieno titolo e che, per ragioni varie, non ne sono stati destinatari.

Togliere il bonus premiale sarebbe una cosa sacrosanta che metterebbe fine alla spartizione delle risorse assegnate alle scuole.

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito