Bonus merito, monitoraggio Cisl sul 23% delle scuole: numerosi collegi dei docenti non stati chiamati a discutere i criteri

Stampa

La Cisl Scuola ha pubblicato il monitoraggio relativo al Comitato di Valutazione, svolto su un campione di 1.971 istituzioni scolastiche su un totale di 8.625, quindi una percentuale che si avvicina al 23%. 

La Cisl Scuola ha pubblicato il monitoraggio relativo al Comitato di Valutazione, svolto su un campione di 1.971 istituzioni scolastiche su un totale di 8.625, quindi una percentuale che si avvicina al 23%. 

Lo scopo di detto monitoraggio, come leggiamo nel documento, è stato quello di non attendere i dati del MIUR e indagare su altri fattori, nell'ambito della costituzione e funzione del comitato, non presi in considerazione dall'amministrazione, come ad esempio la partecipazione dei soggetti presenti e operanti nella comunità scolastica (organi collegiali e rappresentanze sindacali).

Le informazioni sono state raccolte attraverso un questionario a risposte chiuse, compilato sull'apposita pagina presente sul sito del sindacato.

Dal monitoraggio è emerso che:

  • in tutte le Scuole, partecipanti al monitoraggio, il Comitato di Valutazione è stato costituito ad eccezione del 2.4% del totale (un numero assolutamente marginale);
  • la presenza di docenti attivi sindacalmente si limita a poco più del 30% (anche perché molti RSU fanno parte del personale ATA, escluso dai CdV);
  • i comitati, nella maggior parte delle Scuole, si sono già riuniti per i criteri sulla base del quale il DS attribuirà il bonus;
  • i comitati, che hanno già elaborato i criteri, hanno seguito tutte e tre gli indicatori previsti dalla legge 107/2015;
  • nella maggior parte delle scuole, i collegi dei docenti non stati chiamati in causa nella discussione sui criteri;
  • la vicenda bonus non ha interferito sulla contrattazione d'Istituto;
  • i dirigenti si sono mostrati disponibili a confrontarsi sul bonus con la RSU.

Tra i dati, quelli più significativi, uno in senso positivo e l'altro in senso negativo, sono la disponibilità al confronto da parte dei dirigenti e il mancato coinvolgimento dei collegi dei docenti.

Approfondisci

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur