Bonus merito. Gli insegnanti dovranno darsi i voti

Stampa

I comitati di valutazione al lavoro per decidere i criteri sulla base dei quali i Dirigenti scolastici assegneranno il bonus merito.

I comitati di valutazione al lavoro per decidere i criteri sulla base dei quali i Dirigenti scolastici assegneranno il bonus merito.

Mentre nelle scuole si diffonde l'intenzione di premiare la quantità (assurgendola a criterio obiettivo), e dunque ad es. premiando semplicemente coloro che trascorrono più ore a scuola perché impegnati in commissioni o nello staff del dirigente, il Miur fa di tutto per mettere a disposizione delle scuole tutte le informazioni necessarie affinchè l'operazione lasci soddisfatti i destinatari finali.

Ed ecco quindi che l'Amministrazione ha deciso di avviare un primo monitoraggio intorno ad alcuni passaggi essenziali, a cui seguirà una puntuale documentazione dei dati raccolti nel Portale sulla valutazione ( http://www.istruzione.it/snvlindex.shtml ). In questo modo ogni scuola potrà confrontare le proprie scelte con quelle delle altre scuole attraverso i dati a livello provinciale, regionale e nazionale.

I sindacati intanto chiedono un incontro politico urgente al Ministro, non ancora calendarizzato.

E c'è anche chi …. la butta sull'ironia. La redazione di Quando suona la campanella ha deciso che gli insegnanti si daranno i voti per aspirare al bonus, ecco come.

"Noi abbiamo scelto di fare una autovalutazione dialogica, ma chi volesse invece giocare attribuendo direttamente i punti può farlo. Ricordiamo che sopra gli 80 punti spetta a tutti – oltre al premio in denaro – una riproduzione in plastica di un orologio rolex, mentre a chi non dovesse superare i 30 saranno offerti corsi di recupero gestiti dalle SQuoleGuida dei sindacati rappresentativi al modico costo di 500 euro. " Leggi tutto

Stampa

Aggiornamento Ata: Puoi migliorare il tuo punteggio in tempi rapidi: corso di dattilografia a soli 99 euro. Contatta Eurosofia