Bonus merito. Gilda: si diffonde intenzione di premiare chi trascorre più ore a scuola perché impegnato in commissioni o nello staff del dirigente

Stampa

“Comitato di valutazione e bonus per il merito, ovvero querpasticciaccio brutto de viale Trastevere. Dopola circolare emanata nei giorni scorsi, con cui ha raccomandato molto salomonicamente alle scuole di assegnare il bonus né a troppi docenti né a troppo pochi, adesso il Miur comunica con una nota divoler avviare dal 26 aprile un monitoraggio sulla valorizzazione del merito che si concluderà il 6 maggio”.

“Comitato di valutazione e bonus per il merito, ovvero querpasticciaccio brutto de viale Trastevere. Dopola circolare emanata nei giorni scorsi, con cui ha raccomandato molto salomonicamente alle scuole di assegnare il bonus né a troppi docenti né a troppo pochi, adesso il Miur comunica con una nota divoler avviare dal 26 aprile un monitoraggio sulla valorizzazione del merito che si concluderà il 6 maggio”.

A dichiararlo è Rino DiMeglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti, secondo il quale la compilazione delle tre schede di rilevazione sucomposizione finale dei comitati, criteri di valorizzazione dei docenti e modalità di distribuzione del bonus, sarà l'ennesima e inutile incombenza burocratica che graverà sulle scuole.

“Aquanto ci risulta – spiega Di Meglio – in alcune scuole qualche dirigente si appresterebbe a erogare il bonus senza rispettare i criteri deliberati dal comitato di valutazione e sembra che si stia diffondendo a macchia d'olio l'intenzione di distribuirlo in base acriteri quantitativi invece che qualitativi, cioè premiando semplicemente coloro che trascorrono più ore a scuola perché impegnati in commissioni o nello staff del dirigente.

E' chiaro che,in queste condizioni, il budget assegnato agli istituti serviràsoltanto a pagare il lavoro straordinario dei più solerti e fidati collaboratori del preside. Come la Gilda ha sempre sostenuto
–conclude Di Meglio – si tratta di un'operazione che non ha nulla a che fare con la valorizzazione del merito didattico”.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur