Bonus merito, al via le domande. Partecipano anche docenti precari

di redazione

item-thumbnail

Bonus merito docenti: introdotto dalla legge 107/2015, uno dei simboli della Buona Scuola, negli anni è stato oggetto di controversie nelle scuole. 

Una nostra lettrice chiede

“Vorrei sapere se anche il docente a tempo determinato (supplenza annuale) può aspirare al bonus di merito.”

risposta di Libero Tassella – La risposta é affermativa. Il bonus   merito é stato istituito con la legge 107/2015 comma 126. L’obiettivo é quello di incentivare la valorizzazione del merito degli insegnanti.

Ogni scuola ha una dotazione per i bonus di circa 24.000 euro.

La ripartizione avviene

  • per l’80% in base all’organico del personale docente della scuola;
  • per il 20% in base ai fattori di complessità e di esposizione a rischio educativo

Il CCNL 2016-18 ha fatto rientrare nell’alveo della contrattazione di Istituto i criteri generali per la determinazione dei compensi finalizzati alla valorizzazione del personale.

Il bonus é destinato a valorizzare il merito del personale docente e ha la natura di retribuzione accessoria.

In sede di Contrattazione di Istituto vanno definiti i criteri generali per la determinazione dei compensi, come ad esempio:

  • il valore massimo del bonus;
  • la differenziazione minima tra le somme distribuite;
  • la percentuale dei beneficiari.

Resta ferma, comunque, la competenza del dirigente scolastico in merito all’individuazione dei docenti meritevoli sulla base di criteri, non soggetti a contrattazione, formulati dallo specifico comitato per la valutazione.

A seguito dell’ intesa tra OO.SS. e Aran del 25 giugno 2018 oltre i docenti di ruolo anche i supplenti potranno accedere al bonus di merito.

A fine attività scolastica, le scuole pubblicano la circolare con il modello di domanda e i criteri scelti per la valorizzazione dei docenti.

Invia il tuo quesito a [email protected]

Le domande e le risposte saranno rese pubbliche, non si accettano richieste di anonimato o di consulenza privata.
Per le istituzioni scolastiche. Consulenza specifica e risposta garantita. Gratuitamente [email protected]

Versione stampabile
Argomenti:
ads ads