Bonus merito, al termine del triennio 2016-18 USR inviano relazione al Miur in vista delle Linee guida

La legge n. 107/2015, com’è noto, ha introdotto il bonus premiale per i docenti meritevoli. 

L’assegnazione del bonus è di competenza del dirigente scolastico tenuto conto dei criteri individuati dal novellato Comitato di Valutazione.

Il Comitato, come leggiamo nel comma 129 della legge suddetta, individua i criteri sulla base:

a) della qualità dell’insegnamento e del contributo al miglioramento dell’istituzione scolastica, nonché del successo formativo e scolastico degli studenti;

b) dei risultati ottenuti dal docente o dal gruppo di docenti in relazione al potenziamento delle competenze degli alunni e dell’innovazione didattica e metodologica, nonché della collaborazione alla ricerca didattica, alla documentazione e alla diffusione di buone pratiche didattiche;

c) delle responsabilità assunte nel coordinamento organizzativo e didattico e nella formazione del personale.

I criteri adottati dai vari Comitati di valutazione, come leggiamo nel successivo comma 130, saranno oggetto di un’apposita relazione, redatta da ciascun USR competente per territorio, al termine del triennio 2016-18 e che sarà inviata al Ministero.

Un Comitato tecnico scientifico nominato appositamente dal Miur, sulla base delle relazione ricevute, predisporrà poi delle linee guida per la valutazione del merito dei docenti a livello nazionale, previo confronto con le parti sociali.

Le linee guida saranno riviste periodicamente.

Alcuni USR, in vista della succitata relazione, hanno già fornito indicazioni in merito ai criteri adottati dalle scuole, come ad esempio l’USR Lombardia che ha predisposto un apposito questionario relativo allo scorso anno scolastico.

Didattica a distanza, 9 corsi con iscrizione e fruizione contenuti gratuite