Bonus docenti, scuola che premia docenti che vanno d’accordo col dirigente finisce in parlamento

Stampa

Il Movimento 5 stelle ha presentato una interrogazione parlamentare sul caso dei presidi sceriffo che premiano soltanto coloro che vanno d'accordo col Dirigente.

Il Movimento 5 stelle ha presentato una interrogazione parlamentare sul caso dei presidi sceriffo che premiano soltanto coloro che vanno d'accordo col Dirigente.

La segnalazione era giunta anche alla nostra redazione dai "Partigiani della Scuola Pubblica" che hanno segnalato il caso del comprensivo Polistena di Reggi Calabria che nella valutazione dei docenti dedica un capitolo ai “Rapporti Relazionali”. I Partigiani chiariscono nel comunicato che i docenti che mostreranno rapporti conflittuati con il Dirigente Scolastico, con i Docenti, con gli Studenti, con i Genitori e con i Soggetti del territorio si vedranno decurtare il punteggio.

A questo tipo di valutazione non ci sta il Movimento 5 Stelle che, tramite la deputata Federica Dieni, ha presentato una interrogazione parlamentare che ritiene una decurtazione del punteggio come una "violazione delle libertà costituzionali".

"Noi del Movimento 5 Stelle lo denunciammo fin da subito, – afferma – durante la discussione in Parlamento. La deriva che si è presa a Polistena, tuttavia, è conseguenza di un'interpretazione della norma che speriamo il Ministero si impegni per escludere".

Una valutazione del genere, sostiene la parlamentare, mina "la libertà di espressione".

Vedi anche

Bonus ai docenti meritevoli: ti premio se non bocci e se fai poche assenze. Regna il caos, Gissi "possibile contenzioso". Di chi la responsabilità?

Bonus docenti. Arrivano i Presidi sceriffo: premiato chi non si assenta e non ha conflitti con il DS

Stampa

Concorsi ordinari docenti entro il 2021, anche DSGA. Preparati con CFIScuola!