Bonus docenti, beati gli ultimi perché resteranno sempre gli ULTIMI. Lettera

Lettera

Inviato da Salvatore Greco – Sono Salvatore, docente di servizi enogastronomici settore cucina, ovviamente precario.

Premetto che queste mie parole non sono rivolte al vostro lavoro o alla vostra redazione.
L’Italia intera si trova ad affrontare un così grave e pericoloso nemico, il COVID-19, il quale ha richiesto l’impegno ed il sacrificio di TUTTI. Purtroppo noto, con mio grande dispiacere, come nulla è cambiato.

Si, non è cambiato nulla, e, nessuno fa niente per porre rimedio a questo continuo discriminare noi docenti PRECARI…che tutti i giorni fiancheggiamo instancabili, senza chiedere e senza risparmiare tempo, energia e risorse, i nostri colleghi di RUOLO.
Tutto questo, ripeto, viene fatto senza chiedere nulla ma nonostante ciò, veniamo considerati, se così si può dire, merce da macello, forse nemmeno questo, non saprei come definire meglio il tutto.

Praticamente schiaffi ed ancora schiaffi, dalla Ministra e anche se non direttamente dai sindacati, LA MINISTRA AZZOLINA, HA PENSATO DI EROGARE UN ULTERIORE BONUS AI DOCENTI DI RUOLO.
E ora, ha dato tempo fino al 31 marzo, di usufruire del bonus, sperando che sia sempre il solito e non quello aggiuntivo, per acquistare hardware ed altro per facilitare il lavoro (docenti di ruolo) per la didattica a distanza.
Mi sembra giusto!
I docenti PRECARI?
Ah giusto! Mica noi lavoriamo!

Noi stiamo a scuola per passare il tempo ed ora con la didattica a distanza, facciamo i video comici, facciamo cabaret, stiamo tutta la giornata tra PC, mail, whatapp e chiamate con gli alunni, per chiacchiere e perdere tempo.
Non so se definirci ZERBINI, rende in pieno l’idea ma di sicuro toglie a noi la voglia di essere e fare il nostro lavoro…però posso dire, anche a nome dei miei colleghi, che nonostante l’ennesima beffa, continuiamo a lavorare dando e comunque il nostro Contributo…perché lo dobbiamo ai nostri alunni, che non hanno colpe e meritano il meglio.
Vi chiedo scusa per questo mio sfogo.

Back to school. Si riparte in sicurezza. Scopri i nuovi percorsi formativi di Eurosofia per sostenere la ripresa delle attività didattiche