Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

Bonus diabete: quanto c’è di vero?

Stampa
diabete

Il bonus diabete non esiste ma esiste per coloro che sono affetti da diabete la possibilità di godere delle agevolazioni previste per gli invalidi.

Ho letto di un bonus diabete per chi è affetto da patologia del diabete con dipendenza insulinica e riconoscimento di invalidità da parte dell’INPS, cosa c’è di vero? 

Purtroppo non esiste un bonus diabete anche se di questo “ipotetico” bonus ne è stato scritto molto. Le agevolazioni che si vogliono far passare come “bonus diabete”, infatti, altro non sono che le agevolazioni previste per le generalità degli invalidi e di coloro che sono affetti da grave handicap in base alla legge 104 del 1992.

Bonus diabete una bufala?

A chi è affetto da diabete, quindi, non spetta nessun bonus particolare né nulla di diverso rispetto alla generalità degli invalidi.

Non esiste nessuna norma o decreto ministeriale che prevede somme di denaro in favore di chi è affetto da diabete. Anche se, alla fine, il bonus diabete poggia su  un fondamento di verità, si tratta di una sorta di bufala.

Tutte le notizie che parlano di bonus diabete, infatti, non si riferiscono ad altro che all’invalidità civile che, chiaramente, non spetta esclusivamente a chi è affetto da diabete.

Quando si legge “bonus diabete di importo pari a 517 euro”, è bene chiarirlo, ci si riferisce all’indennità di accompagnamento e non si può certo parlare di bonus diabete.

Quello che si vuol far passare come bonus diabete altro non è, quindi, che la possibilità nei casi in cui è previsto, d vedersi riconoscere l’invalidità civile o la legge 104 che nel caso specifico del diabete spettano a:

  • chi è afetto da diabete nellito di tipo 1 o 2 che porti complicanze micro-macroangiopatiche e manifestazioni cliniche di medio grado (in questo caso può essere riconosciuta una invalidità dal 41 al 50%)
  • chi è affetto da diabete mellito ed è insulino dipendente con mediocre controllo metabolico e con aumento dei livelli di lipidi nel sangue (con conseguente colesterolo alto e trigliceridi alti), con crisi ipoglicemiche frequenti che non siano trattabili con terapie (in questo caso l’invalidità che può essere riconosciuta va dal 51 al 60%)
  • chi soffre di complicanze del diabete, infine, come le nefropatia, la retinopatia e la maculopatia può ottenere invalidità civile dal 91 al 100%.

In questi casi, quindi, si può avere diritto alla pensione di invalidità, al riconoscimento della legge 104 (con relativi permessi) e all’indennità di accompagnamento.

Non esiste il bonus diabete, e questo è bene chiarirlo, ma esiste la possibilità che un soggetto affetto da diabete possa richiedere l’invalidità civile.

Stampa
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Il nuovo programma di supporto gratuito Trinity per docenti di lingua inglese