Bonus 80 euro potrebbe essere decurtato dal prossimo Governo per finanziare flat tax o reddito di cittadinanza. Ipotesi Sole24Ore

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Non è ancora ufficiale, ma già si anticipano le misure di quello che potrebbe essere il nuovo Governo.

Così IlSole24Ore titola ” Dagli 80 euro al bonus casa, tutti gli sconti fiscali a rischio” ipotizzando che per varare la flat tax o, in alternativa il reddito di cittadinanza, il finanziamento potrà arrivare dal taglio a queste misure.

Al momento non vi è nulla di concreto, ipotizziamo si tratti solo di ipotesi della testata giornalistica.

Ricordiamo che con la Legge di Bilancio 2018 il bonus 80 euro cambia in relazione alle fasce di reddito.

In un comunicato del 18 febbraio il Miur scrive “l’articolo 18 della legge di bilancio che ha innalzato, dal primo gennaio 2018, le soglie del reddito previste per accedere al bonus. In particolare la soglia di 24.000 euro , entro la quale già oggi il bonus viene percepito per intero, viene innalzata a 24.600 euro . Mentre quella di 26.000 euro , oltre la quale attualmente non si ha diritto al bonus, nemmeno in misura ridotta, passa a 26.600 . Dunque, anche chi avrà redditi compresi tra 26.000 e 26.600 euro, cioè fra la precedente e la nuova soglia per l’accesso al bonus, potrà accedere per la prima volta agli 80 euro che si sommeranno così all’incremento previsto dal rinnovo del contratto. ”

Naturalmente il taglio sarebbe giustificato da un aumento dei benefici.

Versione stampabile
Argomenti:
soloformazione